Un po’ ristorante, un po’ bottega: nuovo capitolo per la Foresteria di Villa Cerna, a Castellina in Chianti. Merito di Andrea e Cesare Cecchi, dell’omonima casa vinicola, che nell’antica dimora del X secolo hanno creato un bistrot con vista sui vigneti di Sangiovese 

F.030

La vista è mozzafiato, per chi oltre alla buona cucina vuole coccolarsi anche gli occhi. Sulla via Chiantigiana, tra Monteriggioni e Castellina in Chianti, c’è un’antica dimora del X secolo, circondata da vigneti di Sangiovese: si tratta della Foresteria di Villa Cerna, che sorge alle pendici della collina. Dopo la parentesi con uno chef del calibro di Filippo Saporito, il nuovo capitolo della vita della struttura nasce dalla volontà di Andrea e Cesare Cecchi di creare all’interno della propria azienda chiantigiana un luogo dedicato al gusto e alla tradizione toscana.

IMG_8860

Per fare ciò si sono rivolti a due imprenditori della ristorazione toscana, Maria (chef) e Stefano Puliti, che da tanti anni guidano con successo il ristorante La Scuderia di Badia a Passignano, a Tavarnelle. Da una “costola” nasce quindi La Foresteria dove si uniscono le professionalità di Stefano, della moglie Maria, di Matteo Bartolozzi (genero di Stefano, esperto di vini e abile uomo di sala) e dal patron Marco Bini (cognato di Matteo, con una formazione amministrativa). “Con Andrea Cecchi – dice Stefano Puliti – abbiamo un rapporto confidenziale da alcuni anni, e sin dall’inizio c’è stata empatia e stima reciproca. Conosco i suoi vini e la serietà della sua  azienda per questo, quando si è rivolto a me per un confronto su una nuova sfida a Castellina in Chianti, non ho potuto che esserne attratto. La scommessa è un nuovo ristorante con tre anime: un’osteria contemporanea legata a piatti della tradizione dove dominano il girarrosto e la griglia, un’enoteca con gastronomia e qualche piatto caldo e una Wine Experience che guida il cliente alla scoperta delle cantine di Villa Cerna”.

F.071

Entrando si accede direttamente nella corte interna dei limoni, su cui affacciano il ristorante e la bottega, dove i turisti di passaggio possono acquistare il top delle produzioni artigianali (pasta, conserve, tartufi, ecc…) chiantigiane e toscane in genere. Al bancone e ai tavoli è possibile consumare un tagliere di salumi e formaggi toscani insieme a qualche piatto caldo che cambia quotidianamente. E delle proposte vegetariane. Il ristorante, oltre che sulla corte dei limoni, si affaccia su altri due lati: quello della terrazza delle viti, con vista mozzafiato sulle vigne, e quello del prato degli ulivi, un’area  “lounge” dove è possibile rilassarsi degustando un bicchiere di vino.

IMG_8859 (1)

Il ristorante si affaccia sulla terrazza delle viti, con vista mozzafiato. Colori verde e écru, tessuti di lino e canapa, piatti della tradizione toscana, pasta fatta a mano, griglia, girarrosto e un leitmotiv: la stagionalità. Possibile anche una wine experience nell’azienda agricola. Disponibili Tour guidati nei vigneti, nella cantina di vinificazione, in quella d’invecchiamento, con degustazione finale di 5 diverse tipologie di vino.

F.282

La Foresteria di Villa Cerna Castellina in Chianti (Si) Loc. Casina dei Ponti, 5 0577 1510998 Ristorante: ore 12.30-15/19.30-22.30 Bottega: ore 10-20 Wine Experience: ore 10-18 www.foresteriavillacerna.it

Articolo precedentePane & co: in Sant’Ambrogio arriva Johnny Bruschetta
Articolo successivoA Tavola sulla Spiaggia, altro successo al Forte (anche senza Ramsay…)
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi