Se Iginio Massari gioca un campionato a sé con 9 titoli consecutivi, in Toscana la pasticceria Nuovo Mondo di Prato si conferma ai vertici nazionali per la Guida Pasticceri e Pasticcerie d’Italia 2020 del Gambero Rosso

Nessuna sorpresa, ai vertici della guida Pasticceri e Pasticcerie d’Italia 2020 del Gambero Rosso: la celebre Pasticceria Veneto di Iginio Massari a Brescia gioca un campionato a sé, ottenendo il nono titolo consecutivo come miglior esercizio in assoluto. “È con enorme piacere soddisfazione che posso ricevere questo ambito premio – ha commentato Massari – credo che tutto questa sia il riconoscimento di un percorso che viene da molto lontano frutto di un lavoro ricco di passione e dedizione che ho coltivato grazie ai miei figli Debora e Nicola e a tutti i membri del mio staff”.

La Guida Pasticceri e Pasticceria d’Italia del Gambero Rosso – da sempre il punto di riferimento del settore pasticceria in Italia – ha premiato in Toscana un nome storico, così come fatto sin dalla prima edizione. Il massimo riconoscimento (le “Tre Torte”, secondo la simbologia cara al Gambero) è andato a Paolo Sacchetti e alla pasticceria Nuovo Mondo di Prato, unico locale in tutta la Toscana ad avere oggi il massimo punteggio.

Per me e per mio padre — commenta Andrea Sacchetti, sul palco per ritirare il riconoscimento — è motivo di orgoglio e di motivazione. Ogni anno confermarsi è la sfida più difficile, soprattutto per chi come noi sta inserendo una nuova generazione in pasticceria. Ma il rigore di mio padre e il mio entusiasmo si emulsionano molto bene. Ricevere le Tre Torte dal Gambero Rosso ci motiva a fare sempre meglio, per i nostri clienti e per la crescita della pasticceria italiana, che io e mio padre amiamo”.

Previous articleA Lucca in scena Drink World Tour 2019, con focus su Londra e sulle barladies
Next articleEmilia: nella Valle del Samoggia per celebrare il tartufo bianco pregiato di Savigno
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.