L’avevano provato l’anno scorso, ed era andato tutto bene: nel tourbillon di iniziative in seno al Vinitaly, il trio delle meraviglie del vino toscano – Leonardo Tozzi, Andrea Gori e Riccardo Chiarini – decide ora di riprovarci in maniera ben più corposa, e domani sera tiene a battesimo il “God Save The Wine Verona”, la trasposizione in chiave Vinitaly della manifestazione-cult nata e cresciuta in Toscana. L’appuntamento è per stasera a partire dalle 19 al Due Torri Hotel.

Due Torri Hotel Verona
Due Torri Hotel Verona

“Dopo l’apparizione spumeggiante dello scorso anno – spiegano gli organizzatori – stavolta lo facciamo veramente a modo nostro, ovvero con la formula che ha conquistato la Toscana: un grande e bellissimo albergo, una selezione di aziende intriganti, vogliose di mettersi in gioco e capaci di sedurre chiunque e soprattutto la capacità e la voglia di far degustare e bere vino in modo diverso dal solito”.

Ecco i vini e le aziende presenti domani al God Save The Wine:

Champagne De Castelnau (Reims, F)

Champagne Brut Reserve

Champagne Brut Rosè

Champagne Blanc de Blanc Millesime 1999

G.D. Vajra (Barolo, CN)

Langhe Bianco Riesling DOC 2011

Barbera d’Alba Superiore DOCG 2009

Langhe Nebbiolo DOC 2011

Barolo Bricco delle Viole DOCG 2008

Luigi Baudana Barolo Cerretta DOCG 2008

Carpenè Malvolti (Conegliano, TV)

1868 Brut Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg

1868 Extra Dry Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore Docg

Rosè Brut

Maremmalta (Casteano, Gavorrano GR) -biodinamica-

Guardamondo Sangiovese Riserva 2010 Monteregio di Massa Marittima DOC

Le Strisce Vermentino Selezione Grappoli 2010 Monteregio di Massa Marittima DOC

Poggiomaestro Syrah 2012

Lestra Viognier 2012

Cairossa (Riparbella, PI) – biodinamica-

Caiarossa 2009 IGt Toscana

Pergolaia 2009 IGT Toscana

Oro di Caiarossa 2009 Vino Dolce Passito IGT Toscana

Caiarossa Bianco 2010 IGT Toscana

Il Marroneto (Montalcino, SI)

Brunello di Montalcino il Marroneto 1998

Brunello di Montalcino il Marroneto 2007

Brunello di Montalcino il Marroneto 2008

Brunello di Montalcino il Marroneto Madonna delle Grazie 2006

Brunello di Montalcino il Marroneto Madonna delle Grazie 2008

Pietro Beconcini (San Miniato, PI)

Chianti Riserva Pietro Beconcini 2010

Reciso Sangiovese Toscana IGT 2010

Vigna alle Nicchie Tempranillo Toscana IGT 2009

Fattoria Lavacchio (Pontassieve, FI) -biologica-

Puro 2012 IGt Toscana

Cedro DOCG Chianti Rufina 2009

Cedro Riserva DOCG Chianti Rufina 2008

Oro di Cedro Igt Toscana 2011

Le Bertille (Montepulciano, SI)

Nobile di Montepulciano DOCG 2008

Rosso di Montepulciano DOCG 2011

Chianti Colli Senesi DOCG 2009

L’Attesa Toscana IGT 2008

Fabrizio Dionisio (Cortina, AR)

Il Castagno Syrah Cortona DOC 2009

Il Castagnino Syrah Cortona DOC 2011

Masseria Falvo 1727 (Saracena, CS)

Don Rosario 2010 IGT Calabria Lacrima del Pollino e Greco Nero

Donna Filomena 2011 Terre di Cosenza DOC Traminer e Granaccia bianca

Milirosu 2011 Moscato di Saracena DOC

Tenuta Rapitalà (Camporale, PA)

Grand Cru Chardonnay Sicilia Igt 2011

Bouquet Bianco Sicilia Igt 2012

Grillo Sicilia Igt 2012

Hugonis Cabernt Sauv./Nero d’Avola Igt 2010

Solinero Syrah Sicilia Igt 2010

Ad accompagnare questo ricco bouquet di etichette, il banco dei formaggi di Malga Faggioli 1140 e la gastronomia e le carni (battuta di Fassona, crudi e cotti) di Carlo Alberto, storica bottega veronese e ovviamente il grande buffet del Due Torri per una cena completa.

Ingresso: 25 euro

Articolo precedenteVinitaly: performance live di EnoArte di Elisabetta Rogai
Articolo successivoVinitaly / L’indagine: la donna, più dell’uomo, lega il vino alla convivialità
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi