Al via #mangiaebeviitaliano, campagna nazionale di “sensibilizzazione enogastronomica” per promuovere il Made in Italy e sostenere la ristorazione italiana con le “cene sospese”

Non è un mistero che la ristorazione sia tra i settori tra i più danneggiati dalla pandemia da Coronavirus che ha colpito il mondo intero, con perdite stimate in 10 miliardi di fatturato solo nel primo trimestre 2020. Il magazine Mangia e Bevi, in partnership col portale PostodelCuore.com, ha deciso di scendere in campo al fianco dei ristoratori italiani per offrire loro un sostegno in un momento molto difficile e delicato, e per far sì che ci siano più opportunità per un veloce recupero dei fatturati, venuti meno in questi ultimi mesi.

Si chiama #mangiaebeviitaliano ed è una campagna nazionale di “sensibilizzazione enogastronomica” per promuovere il Made in Italy e sostenere la ristorazione italiana, partendo dal presupposto che la passione degli italiani per la propria cucina non tramonterà. Tutt’altro: “Mai come adesso – spiegano gli organizzatori – si avverte il bisogno di parlare d’Italia, di mangiare italiano, di bere italiano, di ripartire dai nostri immensi giacimenti di bellezza e biodiversità alimentare, valorizzando, tutelando e promuovendo uno dei più importanti patrimoni del nostro Paese, la cucina.

Ed è proprio sulla promozione del prodotto italiano nella ristorazione che poggia la campagna #mangiaebeviitaliano, al fine di richiamare una clientela più ampia possibile e riattivare un sistema di economie positive orientate al futuro, sensibilizzando gli italiani  sull’importanza del rapporto tra cibo, salute ed economie sostenibili.

La formula scelta è quella della “cena sospesa”, una forma di pagamento anticipato, ossia una sorta di finanziamento sulla fiducia che viene accordato dal cliente al proprio “posto del cuore”,  tenendo la prenotazione per quando sarà possibile tornare nuovamente al ristorante. Con la partnership tra MangiaeBevi.it e la piattaforma PostodelCuore.com sarà possibile acquistare buoni da spendere successivamente alla riapertura del ristorante prescelto, entro un anno. Ristorante che riceverà il bonifico del cliente direttamente sul suo conto corrente e senza alcun costo di servizio.

I requisiti per aderire alla campagna sono:

  • la promozione e l’utilizzo di soli ingredienti e materie prime italiane
  • la promozione e l’utilizzo esclusivamente di bevande e vino italiano
  • la creazione di un menu 100% italiano, con indicazione dei produttori interessati
  • un prezzo sostenibile con riduzione dal 15 al 30% sui prezzi abituali

A tale scopo i piatti proposti nei ristoranti aderenti all’iniziativa consentiranno di portare in tavola il rapporto tra economia sostenibile, tradizione basata su un cibo sano e italiano, biodiversità e identità dei territori, garantendo la tutela della tradizione gastronomica ed enologica italiana, la promozione della dieta mediterranea e quindi di uno stile di vita sano.

Per aderire, al ristoratore basterà collegarsi a questa pagina web e compilare il modulo di registrazione alla piattaforma.

Previous articleCovid-19 e ristorazione, oltre 1500 chiavi consegnate al sindaco di Firenze
Next articleLa Guida Verde 2020 incorona i migliori 31 ristoranti vegetariani italiani
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.