Da domani, 16 maggio, Starbucks arriva nei pressi della Stazione Centrale di Milano, in piazza Luigi di Savoia: dopo San Babila e Garibaldi è il terzo punto vendita aperto da Percassi, partner licenziatario unico per l’Italia

Dopo il debutto in Italia nel punto vendita milanese, Starbucks raddoppia e portare la propria “coffee experience” a molti più consumatori con l’apertura di un nuovo store a Milano: da domani apre in piazza Luigi di Savoia 1, a lato della stazione di Milano Centrale, vicino agli autobus per l’aeroporto di Orio al Serio. Il nuovo Starbucks si rivolge a pendolari e turisti che popolano ogni giorno la stazione, più lavoratori degli uffici della zona e clienti degli hotel adiacenti.

Come le precedenti location in San Babila e Garibaldi, gli spazi del nuovo Starbucks di Centrale hanno la stessa atmosfera accogliente e piacevole – il design è ispirato alla cultura artigianale italiana, con attenzione ai dettagli – e connessione wi-fi gratuita, dove poter degustare l’ampia scelta di caffè sostenibili di alta qualità e tè, accompagnati da un’elevata offerta gastronomica adatta a qualsiasi momento della giornata.

starbucks milano

“La nostra missione – spiega Vincenzo Catrambone, Operations Director Starbucks Italia – è portare l’esperienza Starbucks in nuovi quartieri milanesi, mettendo sempre al centro il nostro consumatore. Rimanendo fedeli ai nostri valori e all’atmosfera, abbiamo voluto offrire ai consumatori che ogni giorno popolano la stazione di Milano, un ambiente studiato su misura per loro, che li accolga e li ospiti durante i loro spostamenti con un buon caffè. La stazione di Milano Centrale è da sempre un punto di riferimento per i viaggiatori Italiani e stranieri e allo stesso modo lo è anche la nostra caffetteria”.

bancone

Dalle 6 alle 21, nel nuovo store – che dà lavoro a 33 persone, più altre attese nei prossimi mesi – si possono trovare le offerte che Starbucks ha portato negli altri locali italiani. Nell’offerta di bevande, il classico Frappuccino è disponibile oltre che nei gusti classici, anche nella versione Tiramisù, gusto sviluppato ad hoc per l’Italia e il nuovo Vanilla Matcha Tea Latte. Per quanto riguarda l’offerta gastronomica, studiata su misura per il palato italiano, oltre ai classici dolci Starbucks si possono trovare i classici della tradizione italiana, dai cornetti ai panini fino alle insalate.

Previous articleFour Seasons Hotel Firenze, arriva il ristorante asiatico con lo chef stellato Haruo Ichikawa
Next articleVilla Vittoria, una giungla urbana per la movida dell’estate fiorentina 2019
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.