620

Le note – floreali o fruttate – del buon vino, accanto alle note – diesis o bemolle – della buona musica. E’ all’insegna del connubio tra musica classica e vino toscano che si rinnova a fine giugno l’appuntamento con Melodia del Vino, nelle più bella tenute vitivinicole della regione, patrimonio di famiglie come Antinori, Moretti, Mariani, Zonin e Panerai. Dal 27 giugno al 6 luglio la terza edizione della kermesse porterà cinque concerti in quattro province toscane (Firenze, Livorno, Siena e Grosseto). Tra le star il Maestro Marc Laforet e Francois René Duchable che nel 2003 disse addio alle performance live gettando il suo pianoforte dall’elicottero nel lago di Colmiane.

Antinori-nel-Chianti-561DB-500x333

Ad aprire il festival, nella prestigiosa Cantina Antinori nel Chianti Classico a Bargino, nel comune di San Casciano Val di Pesa (FI), ideata da Marco Casamonti e costruita inserendo la cantina nella collina e ricoprendola con un vigneto. Dentro c’è una temperatura naturale costante di 17 gradi, vi riposano centinaia di barriques e botti per un potenziale di 2,5 milioni di bottiglie all’anno. E Melodia del Vino sarà il primo evento culturale ospitato dalla cantina: qui, il 27 giugno 2013, sarà il giovane pianista ucraino Alexander Romanovsky ad esibirsi nel concerto inaugurale del Festival. Romanovsky, ragazzo prodigio nato nel 1984 nel cuore dell’Ucraina, a undici anni eseguiva recital pianistici in tutto il nord Europa. Nel ‘97 si trasferisce a Imola con la famiglia per studiare all’ Accademia pianistica internazionale e da lì decolla la sua carriera di musicista.

Il programma di Melodia del Vino prosegue fino al 6 luglio. Le note di pianoforte e violoncello invaderanno ville e castelli della Toscana, nonché cantine che portano la firma dei più noti architetti al mondo. Il Festival, che nasce sull’impronta del suo gemello francese Grands Crus Musicaux, si propone come “ponte ideale” tra le eccellenze di Toscana e Francia; per questo la Regione Toscana ha deciso di aderire e sostenere l’iniziativa fin dalla sua prima edizione nell’estate 2011. Decisivo per la riuscita dell’evento il supporto di Toscana Promozione e di Fondazione Sistema Toscana che ne cura la comunicazione online. Ideatori dell’originalissimo format il Maestro Marc Laforet, direttore artistico di entrambe le manifestazioni e Michel Gotlib, amico d’infanzia di Laforet, appassionato di vino e musica e presidente del Festival Melodia del Vino.

petra

Prima di ogni esibizione, degustazioni di vino ‘made in Tuscany’. Dopo l’inaugurazione alla Cantina Antinori, il secondo concerto avrà luogo il 29 giugno a Cantina Petra, nel comune di Suvereto (Livorno) e vedrà la prima delle due esibizioni al pianoforte del maestro Marc Laforet (Francia). Nella cantina della Famiglia Moretti disegnata da Mario Botta, Laforet si esibirà in duo con un altro pianista di fama internazionale: Francois René Duchable. La presenza di Duchable è un avvenimento più che eccezionale: il grande pianista francese nel 2003 decise infatti di non esibirsi più. Per rendere la sua decisione ancora più eclatante gettò il suo pianoforte, sganciandolo da un elicottero, nel lago di Colmiane, vicino a Nizza.

poggio-alle-mura

Il 2 luglio Melodia del Vino si sposta nella provincia di Siena. Per il terzo anno consecutivo Castello Poggio alle Mura Banfi a Montalcino ospita uno dei concerti del Festival grazie alla disponibilità della Famiglia Mariani. Quest’anno ad esibirsi saranno al pianoforte Marc Laforet e al violoncello Henri Demarquette (Francia).

Tenuta_Rocca_di_Montemassi

Il concerto del 4 luglio si tiene nella splendida provincia di Grosseto, nella Tenuta Rocca di Montemassi a Roccastrada. Dopo la degustazione di vini, il pubblico potrà assistere all’esibizione al pianoforte di Beatrice Rana. La giovane italiana, a soli 25 anni, è considerata una promessa della musica internazionale. Nata in una famiglia di musicisti, Beatrice debutta con l’orchestra alla tenera età di 9 anni eseguendo il Concerto in Fa minore di Bach. Si diploma a 16 anni al Conservatorio con lode e menzione d’onore ed incomincia da lì la sua carriera concertistica. E’ stata la più giovane partecipante italiana in assoluto nella storia ad aggiudicarsi nel 2011, ad appena 18 anni, il primo premio del decimo Concorso Internazionale Musicale di Montrèal, in Canada.

Rocca Piano Cantina

Il Festival chiude il programma 2013 il 6 luglio nella Tenuta Rocca di Frassinello a Gavorrano. Nella cantina disegnata da Renzo Piano si esibirà al pianoforte Giovanni Bellucci. Considerato uno dei più autorevoli pianisti del nostro tempo, il magazine francese Diapason include Bellucci nella top ten dei virtuosi lisztiani della storia, unico italiano, accanto a Marta Argerich, Claudio Arrau, Gyorgy Cziffra e Krystian Zimerman; mentre per la rivista britannica Gramophone, Bellucci “è un artista destinato a continuare la grande tradizione italiana storicamente rappresentata da Zecchi, Busoni, Michelangeli, Ciani”.

I biglietti per gli spettacoli, oltre che sul sito ufficiale del Festival www.melodiadelvino.it, potranno essere acquistati anche nei 100 punti vendita della Toscana del circuito BoxOffice e online sul sito di BoxOffice

Le serate iniziano alle ore 19, l’apertura al pubblico è alle 18.30.

Articolo precedenteSabato a Seggiano (Gr) giornata tra parchi d’arte e gastronomia
Articolo successivoE’ tempo di scoprire il Chianti Classico: al via “Experience 2013”
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

1 COMMENT

Rispondi