Schermata 04-2456767 alle 23.09.36

E’ stata un’azienda di Bagno a Ripoli,la “Montisoni“, ad aggiudicarsi la seconda edizione del premio Il Magnifico. Nel salone di Palazzo Capponi Vettori di Lungarno Guicciardini a Firenze, la cerimonia di premiazione dell’Olive Oil Award 2014 ha incoronato l’azienda alle porte del capoluogo toscano, e in particolare l’olio “Idillio”. Il premio è organizzato dall’Associazione Il Magnifico onlus, presieduta dallo chef Matia Barciulli ideatore del premio nato in ricordo di Massimo Pasquini e di Marco Mugelli. Il Magnifico Olive Oil Award va all’olio prodotto in Italia da olive italiane che avrà raggiunto il punteggio maggiore negli assaggi dei panel. Il panel ha selezionato 10 oli semifinalisti ai quali si sono aggiunti altri 6 oli delle aziende che nel corso del 2013 hanno vinto altrettanti premi nazionali (Bioil, Ercole Oliario, Il Magnifico, Montiferru, Olio Capitale, Sol). Il panel si è quindi riunito nuovamente per selezionare gli 8 oli finalisti, che sono stati:

Azienda Agricola Comincioli, Brescia

Azienda Agricola Decimi, Perugia

Azienda Agricola Madonna dell’Olivo, Salerno

Azienda Agricola Maria Caputo, Bari

Azienda Agricola Reto di Montisoni, Firenze

Fattoria Altomena, Firenze

Fonte di Foiano, Livorno

Mario Capanna, Perugia

Schermata 04-2456767 alle 23.09.17

Il premio speciale al miglior olio toscano certificato proveniente dalla selezione regionale Dop e Igp tra i 5 selezionati dal panel della Camera di Commercio di Firenze per il loro elevato contenuto di polifenoli è stato assegnato all’Igp toscano biologico Colline di Firenze, di Cesare e Cesara Buonamici (Fiesole). Il premio The Magnificent al miglior extra vergine non italiano è stato assegnato invece allo spagnolo “Reserva de Familia de Casas de Hualdo” (Madrid).

Articolo precedenteFeltrinelli inaugura “Red”, il ristorante… con la libreria intorno
Articolo successivoFirenze sfida Londra: il Mercato centrale come Covent Garden
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi