C’è fermento (letteramente) nel mondo della pizzeria fiorentina: Pizzaman apre tre locali, Fermento 1889 raddoppia, Vennari ritorna a Fuoco Matto

marco manzi pizza a firenze

La prima metà di giugno riserva una serie di sorprese e novità, nel campo della pizza. Di alcune abbiamo già scritto, come la nuova apertura di Marco Manzi (Giotto) in via Panzani, ma in riva all’Arno si registra anche la chiusura (temporanea, si spera) delle Follie di Romualdo, con il maestro pizzaiolo che si è trasferito in Versilia per la stagione estiva (pur mantenendo lo spazio all’aperto in seno al Four Seasons Hotel) in attesa di ritrovare un fondo a Firenze in autunno. Gli eventi a tema non mancano, come quello di mercoledì 8 giugno a Fuoco Matto con il pizzaiolo resident Daniele Vennari insieme a Donato Menechella (Vetreria) e Angelo Natiello (Cucina Conviviale). Ecco quindi una serie di novità, in ordine sparso:

Pizzaman apre tre nuovi locali tra Firenze e Campi

Grandi manovre in casa Pizzaman: lunedì 13 giugno aprono due nuovi locali (nel quartiere di San Donato e a Campi Bisenzio), seguiti a settembre dal primo beer garden fiorentino. La catena nata nel 2001 assumerà così 20 nuovi dipendenti. Il primo locale ad aprire, all’interno del Quartiere San Donato, è Fish&Family by Pizzaman, un ristorante di pesce che alternerà le specialità di mare al meglio della produzione Pizzaman, con un’area gioco per bambini. Nello spazio adiacente trova posto il pub Fuori Corso by Pizzaman, con cocktail e una selezione di birre artigianali da tutto il mondo. A settembre, invece, a Campi Bisenzio sbarcherà Grill House Pizzaman, con il Beer Garden: all’esterno sarà ricavato uno spazio dove verranno servite le migliori birre tedesche e nostrane. A curare i menù i pizzaioli Pierluigi Madeo, Anthony De Rosa e Giuseppe Felice.

fermento 1889 pizza a firenze

Fermento 1889 si rinnova e raddoppia con “Fermentino”

In San Frediano, Fermento 1889 si rinnova e raddoppia gli spazi. Il titolare Gianluca Vella ha acquisito il fondo commerciale attiguo, finora appartenuto allo storico minimarket cinese “Riccardo Market” (uno dei pochi casi in cui è un italiano a subentrare in un locale gestito da cinesi, ndF) e vi ha realizzato una sala, a mo’ di cinema, dove il maestro pizzaiolo lavora “a vista”, sotto gli occhi dei commensali. E’ lì che si sposta Fermento 1889, con la sua tradizionale pizza caratterizzata da blend di farine particolari, mentre nello spazio rimasto libero – che prenderà il nome di “Fermentino” – d’estate sarà una sala in più e dall’inverno vedrà una rivisitazione più smart vocata allo street food e all’asporto. In entrambi i locali, largo al pairing tra pizza e cocktail alla spina. L’inaugurazione è prevista per giovedì 16 giugno, e un ruolo importante sul fronte della scelta delle bollicine in abbinamento alla pizza lo giocherà il guru dello champagne Paolo Baracchino. La storia di Gianluca Vella inizia in una mansarda adibita ad Home Restaurant, in provincia di Firenze, e dopo anni di ricerca trascorsi a sperimentare soluzioni innovative, nell’aprile 2017 Gianluca Vella apre a Firenze Fermento 1889.

daniele vennari pizza a firenze

Daniele Vennari torna a Fuoco Matto

Dopo uno stage alla corte di uno dei guru italiani del settore, torna alla base il giovane talento Daniele Vennari: calabrese di origine e nipote dell’imprenditore Carlo Nigro che l’ha portato con sé a Firenze, il pizzaiolo 23enne di Fuoco Matto ha sempre nutrito una certa passione per la panificazione ed è maturato con gli insegnamenti di Donato Menechella prima di frequentare corsi all’Alma con maestri come Franco Pepe e Simone Padoan. Nel corso dell’ultimo stage, Daniele ha affinato la preparazione sulle lunghe lievitazioni e la ricerca su ingredienti e accostamenti fuori dal comune.

ph. www.albertoblasetti.com

Le novità estive di Berberè

Fra le novità estive di Berberè in menù è stata inserita la pizza Babaganoush con crema di melanzane con tahina, una salsa squisita tipica della cucina mediorientale, a cui vengono aggiunti poi pomodori datterini, yogurt greco, menta e paprika affumicata. Altra new entry, richiamo delle origini calabresi dei fratelli Aloe creatori del brand, la ‘Nduja e Burrata con fiordilatte d’Agerola, ‘nduja di Spilinga, burrata pugliese, datterini confit e basilico. Inoltre per questa stagione estiva sono stati ampliati i dehors (con 40/50 sedute in entrambe le pizzerie) e da lunedì a venerdì è disponibile la formula pranzo: a 10 euro pizza della settimana (diversa tutte le settimane), bibita o birra piccola e caffè. Prolungato fino alle 15.30 l’orario del pranzo nel locale di Santa Croce, dove è possibile ordinare anche lo spritz.
Articolo precedenteTerramira, lo chef Filippo Scapecchi e la maestria nell’uso del vegetale
Articolo successivoUn Gin, una città: Valdagno in festa l’11 giugno per il lancio di 52 Mule Road
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi