A Prato dal 21 al 24 marzo in scena Recò 2019: l’economia circolare crea un “circolo virtuoso” che parte dal food e approda all’architettura, passando per moda e design

Nonostante il Friday for Future di appena quattro giorni fa l’economia circolare rimane, per molti, una sconosciuta. Coniata per la prima volta in un rapporto alla Commissione europea del 1976, “The Potential for Substituting Manpower for Energy”, presentato da Walter Stahel e Genevieve Reday, l’economia circolare è un sistema pensato per far fronte al rischio sempre più attuale di seppellire il pianeta sotto montagne di rifiuti, grazie a due principali obiettivi: riutilizzare materiali in successivi cicli produttivi e ridurre al massimo gli sprechi. In questo modo, i rifiuti di qualcuno diventano risorse per qualcun altro, a differenza di ciò che accade nell’economia “lineare” (quella su cui facciamo affidamento oggi) che, terminato il consumo, termina anche il ciclo del prodotto facendolo diventare rifiuto.  La catena economica che conosciamo oggi riprendere continuamente lo stesso schema: estrazione, produzione, consumo, smaltimento.

Prato, da sempre bandiera, in campo di tessuti, del “non si butta via nulla”, è non a caso protagonista di un festival interamente dedicato alla sostenibilità del consumo, al riciclo ed agli altri temi dell’economia circolare, che nei quattro giorni prenderanno vita in 19 diverse location attraverso talk, spettacoli e performance artistiche.

Recò 2019 e il food “circolare”

L’evento sul cibo circolare si terrà il 23 marzo dalle ore 17 alle 19. Presso il Convitto Cicognini, i cuochi prepareranno la ricetta tradizionale della pappa al pomodoro, con assaggio e calice di vino carmignanese compresi, per restare in tema “chilometro zero”. Mai pappa al pomodoro fu più pratese. i pomodori verranno forniti interamente da Funky Tomato, azienda del territorio in lotta costante col caporalato, mentre al pane penserà l’associazione slow food di produttori di farine, Gran Prato. Persino l’apparecchiatura per gli assaggi metterà al centro sostenibilità e riciclo: i piatti e le posate compostabili saranno offerti da Coleschi & C., mentre la carta dei tovaglioli verrà donata da Lucart, azienda leader nel settore, da sempre impegnata nella tutela ambientale. Saranno presenti anche la giornalista Nerina Di Nunzio del programma Food Confidential di La7 e Leonardo Borsacchi, esperto di ricette della tradizione toscana e di economia circolare del PIN Polo Universitario Città di Prato. Verrà inoltre proiettata la video-ricetta della pappa gourmet, creazione dello chef Angelo Barni, preparata ad hoc nelle cucine dell’azienda della (pratese) Patrizia Pepe.

Eventi e spettacoli a Recò 2019

In uno spettacolo interamente dedicato alla storia della musica, da Mozart fino ai giorni nostri, si esibiranno Elio e Prosseda nella serata di venerdì 22 marzo al Teatro Metastasio, mentre Naomi Berrill col suo violoncello, prenderà parte all’iniziativa dall’impianto di depurazione “G.I.D.A”. Esperienza innovativa e particolarissima sarà il “Do U care”: durante tutto il corso della kermesse, i performer Katia Giuliani e Paolo Mereu vivranno sotto gli occhi dei passanti senza generi di prima necessità. Il pubblico, se lo vorrà, si curerà di offrire loro cibo e vestiario. Sabato 23 invece performance di Don Pasta al MET, alle 19. Daniele De Michele, in arte Don Pasta, porta nel mondo il suo Cooking Dj Set, tra pentole e vinili, mixer e minipimer, per frullare in contemporanea musica e vellutate. Don Pasta sarà protagonista anche alle Manifatture Digitali, sempre sabato 23, con la proiezione del suo film “I Villani”, presentato l’anno scorso alla Mostra di Venezia.

Recò 2019, il festival pratese

I Talk a Recò 2019

Si terranno principalmente tra venerdì 22 e sabato 23 e vedranno impegnati ospiti come Gad Lerner (sabato dalle 9.30 alle 13.30) che tratterà i nuovi modelli di ecodesign insieme a Greenitaly presso il Museo del Tessuto, ed il Professor Enrico Giovannini, docente alle Università “Tor Vergata” e LUISS di Roma, sull’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo. Interverrà anche il Direttore della Comunicazione esterna di ENI Marco Bardazzi, con un focus sui modelli circolari dell’energia.

Recò 2019, il festival pratese

Per gli appassionati, i sensibili al tema o semplicemente i curiosi, la manifestazione a cura di Alessandro Colombo si propone come momento di confronto e riflessione su un tema importante, senza farsi mancare una buona dose di sano divertimento, iniziative stimolanti e… assaggi! L’inaugurazione è prevista per giovedì 21 marzo alle 18,30 presso il Polo Campolmi. Saranno presenti le autorità, e seguirà l’aperitivo circolare. Perché prima di affrontare questi temi un po’ impegnativi e coinvolgenti, meglio partire con lo stomaco pieno!

Qui il programma completo di Recò 2019 a Prato

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.