biagiopignatta

Dalle atmosfere giapponesi a quelle indiane, per celebrare la festa degli innamorati con una cena all’insegna dell’eros e della sensualità: è un viaggio tra i sapori dell’Oriente, tra gli agrodolci e gli speziati, quello che giovedì 14 febbraio andrà in scena al “Biagio Pignatta”, il ristorante del complesso di Artimino (Prato).

Per offrire alle coppie una serata da ricordare, lo chef del locale ha ideato un menù – dal titolo “Sapori d’Oriente”, appunto – che trae spunto dalle specialità giapponesi a quelle indiane, opportunamente rivisitate. Ecco così il Tataki di tonno rosso marinato all’aceto di lamponi insieme ad evergreen come il sushi, il sashimi e il riso alla cantonese. Il viaggio prosegue dal Sol Levante fino a toccare l’India, con gli spiedini di pollo e maiale tandoori su taboulet di cavolfiore. A finire, sempre in tema San Valentino, semifreddo al frutto della passione. Il tutto, accompagnato dai vini di Artimino, al prezzo di 45 euro a persona.

Per i palati più tradizionalisti, invece, lo chef ha pensato a un menù più “nostrano”: dal carpaccio di scottona con sedano e pecorino fino al Risotto al BarcoReale con piccione e porri. E ancora: filetto di manzo ai tre pepi, fino al mascarpone e frutti di bosco.  Il tutto a 40 euro a persona.

Un’occasione da non perdere, anche per godere di un panorama mozzafiato: dalle vetrate del “Biagio Pignatta” si domina infatti l’intera piana fiorentina, mentre sul versante opposto c’è la monumentale “Villa dai cento camini” e l’hotel 4 stelle “Paggeria Medicea” dove magari concludere una serata romantica.

Articolo precedenteL’aperitivo del giovedì al Four Seasons Firenze
Articolo successivoSan Valentino, le proposte di Sabatini, Tenda Rossa e Cavolo Nero
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.