Per mariti e fidanzati, la cena di giovedì sarà il culmine di una lunga ricerca del posto dove portare a cena la consorte, nella speranza di regalare una serata dove il buon cibo si unisca a una location particolarmente romantina. Tra le tante proposte che arrivano, eccone una selezione:

Schermata 02-2456335 alle 18.21.17

Per la cena di San Valentino, Carlo Lazzerini e Claudio Spadi del ristorante Sabatini presenta una cena con antipasti misto mare (salmone marinato, tonno, spada e scampi con insalatine) seguito da maltagliati con gamberetti e tartufo di San Miniato, per secondo trancio di spigola all’isolana e infine arancini marinati all’alchermes. Il tutto, accompagnato da champagne Brochet Hervieux 
Cabreo Chardonnay 2009, a 50 euro/persona.

Per info e prenotazioni

info @ ristorantesabatini . it

055.282802

Schermata 02-2456335 alle 18.25.31

Alla Tenda Rossa di Natascia Santandrea, San Valentino dura un’intera settimana: fino a sabato 16 febbraio, il ristorante stellato alla Cerbaia ha organizzato un menù ad hoc. A pranzo sono previsti ravioli di calamaro con salsa di crostacei e gocce di nero di seppia, mazzancolle con radici e “dolce cuore” per due, il tutto a 60 euro (con acqua e caffè) o 75 euro (con vini in abbinamento). A cena, invece, il menù prevede capasanta e crema di finocchio e stracchino, ravioli di calamaro, mazzancolle, filetto di fassona con cuore di zucca gialla e polenta taragna, più “dolce cuore” per due, il tutto a 95 euro (125 con vini in abbinamento).

Per info e prenotazioni

ristorante @ latendarossa . it

055.826132

Schermata 02-2456335 alle 18.23.29

Al Cavolo Nero Bistrot (via Guelfa, 100) lo chef Achille Pirillo propone alcuni piatti “fuori carta”, dalle ostriche con caviale ai paccheri al cioccolato con salsa in agrodolce, dal petto d’anatra in padella al frutto della passione, fino al gelato alle rose.

Per info e prenotazioni

info @ cavolonerobistrot . it

055.496433

Articolo precedenteSan Valentino, ad Artimino l’eros dei Sapori d’Oriente
Articolo successivoVerso le Anteprime: il Chianti Classico si rifà il look
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi