Da Santarpia in scena una serata annunciata come “cena anarchica” ma che in realtà ha visto lo chef stellato e il pizzaiolo di casa cimentarsi in variazioni su tema di prodotti specifici, ognuno alla sua maniera

Santarpia, la combo che non ti aspetti: Michele Leo VS Cristiano Tomei

A guardarli bene, li accomuna soltanto la barba. Per il resto, sembrano incarnare uno l’opposto dell’altro: alto Cristiano Tomei, sensibilmente più basso Michele Leo; divisa bianca per lo chef stellato de L’Imbuto, divisa nera per il pizzaiolo di largo Annigoni; anfitrione Cristiano, più riservato Michele; amante della costa toscana il primo, espressione dei litorali campani il secondo. Eppure, come lo Yin e lo Yang, è nella loro unione che le energie dei due si completano.

michele leo cristiano tomei santarpia
Lo sanno bene i partecipanti alla cena “anarchica” andata in scena da Santarpia nei giorni di Taste 2019, un appuntamento presentato – per l’appunto – all’insegna dell’anarchia ma ben presto indirizzato sui binari del divertissement per entrambi gli chef e dello stupore per i commensali nel vedere Tomei & Leo “sfidarsi” a colpi di interpretazione di materie prime come il pomodoro, il carciofo o la seppia.

michele leo cristiano tomei santarpia
Che si trattasse di una cena stupenda – dal latino stupendus, gerundivo di stupēre, ossia stupire – non c’erano dubbi sin dalla prima portata, un cubo di farinata con cavolo nero sormontata da pomodoro e acciuga, accompagnato dal vermouth. È l’inizio della fase di compromesso tra i due chef, che per un po’ hanno fatto uscire piatti in cui la mano dell’uno è complementare a quella dell’altro, ma poi hanno portato in sala le rispettive variazioni su tema (gourmet e topping per la pizza) di ingredienti cari a entrambi.

Ecco che quindi Cristiano Tomei e Michele Leo servono, in un contenitore di cartone per pizze, un paio di filetti di pomodoro. A seguire lo chef propone un tortellino ripieno di lardo di colonnata in brodo di testine di maiale. Subito dopo è Michele Leo a portare in tavola la pizza fritta (mano sua) sormontata da filetti di acciughe marinati nell’aceto di ravanello e – udite udite – la pajata (mano dello stellato), resa celebre da una gag del Marchese del Grillo.


Poi tocca al carciofo, che Cristiano Tomei presenta fritto e condito con pompelmo rosa e burro di noccioline, mentre Michele Leo lo interpreta sulla pizza a impreziosire una gricia. Infine è la volta della seppia, che lo chef dell’Imbuto propone in versione gourmet e il pizzaiolo come trasposizione del più classico inzimino.

michele leo cristiano tomei santarpia
A chiusura, finale con il vermouth – l’Alfa e l’Omega della serata – e un dessert a quattro mani, seppur slegate: se Michele Leo opta per un pane irrobustito da gocce di fondente sormontato da una mousse di gianduia marrone a spirale, Cristiano Tomei gioca la carta della materia prima inusuale servendo un crumble con tanto di ostrica all’interno di una lattina di metallo. Un dessert che, scavando nella memoria artistica, a chi scrive ha ricordato la più celebre opera di Piero Manzoni.

Summary
Review Date
Reviewed Item
serata stupenda...
Author Rating
51star1star1star1star1star
Articolo precedenteToscana da bere, viaggio tra i cocktail bar della regione: Black Line a Bientina
Articolo successivoPillole di champagne/2: l’equazione perfetta dei vitigni “30-32-38”
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.