Si rinnova il concorso per la miglior schiacciata alla fiorentina: a cimentarsi con il tipico dolce primaverile sono state 16 pasticcerie cittadine, giudicate da un panel di esperti. Ecco il vincitore e la nostra personalissima top 5

 schiacciata alla fiorentina

Alta o bassa, bianca o gialla, più secca o soffice, aromatizzata con scorza d’arancia, cannella o anice. Potrebbe sembrare che di schiacciata alla fiorentina ce ne sia una – parliamo di quella dolce, non di quella salata – ma nulla è più lontano dal vero, dal momento che in un ventaglio di 16 pasticcerie cittadine ne abbiamo trovate davvero poche così simili le une alle altre. Uniforme (o quasi) il range di prezzo, con molte schiacciate intorno ai 16 euro/kg (con un picco di 20 euro/kg).

schiacciata alla fiorentina

Patrocinato dal Comune, il concorso per la miglior schiacciata alla fiorentina è tornato per una rinnovata edizione, l’ottava dopo i fasti degli anni in cui il suo ideatore – l’indimenticato Beppe Pirrone, anima del Cenacolo degli Sparecchiatori – lo rese un appuntamento fisso. Quest’anno il ritrovo è stato alla trattoria “Casa della Nella” in piazza Ghiberti. Presidente del panel d’assaggio invece Luisanna Messeri, volto noto della tv e de “La prova del cuoco” su Rai 1.

schiacciata alla fiorentina

Le schiacciate alla fiorentina in gara sono state quelle – in ordine rigorosamente alfabetico – di Badiani (viale dei Mille), Caffè Libertà (piazza della Libertà), Caffè Neri (Sesto Fiorentino)Cosi (piazza Gavinana)Giorgio (via Duccio da Buoninsegna), Lorenzo (via Dogali), Marcello (viale Europa), Marisa (via Circondaria), Momus (Scandicci), Querci (piazza Viesseux), Robiglio (via de’ Servi), Scudieri (piazza di San Giovanni), Serafini (via Gioberti), Silvano e Valentino (via Paganini), Stefania (via Marconi) e Vannini (via Ponte alle Mosse).

schiacciata alla fiorentina

Al termine degli assaggi, a incontrare il gradimento del pubblico è stata la schiacciata alla fiorentina della pasticceria Stefania in via Marconi con 51 punti, davanti a Cosi a Gavinana a quota 49, che a sua volta l’ha spuntata per un soffio – pardon, per un punto – su Marisa.

schiacciata alla fiorentina

In quanto al Forchettiere, ecco la nostra personalissima top 5

  1. Silvano e Valentino: equilibrata, morbida, profumata
  2. Giorgio : bassa, ben eseguita, bella alveolatura
  3. Stefania: alta, fragrante, con note aromatiche complesse
  4. Marisa: soffice, morbida,
  5. Badiani: impasto perfetto, profumata,
Previous articleVino: Castello Banfi lancia la Pettegola 2018 limited edition firmata da Ale Giorgini
Next article“Pasquale Torrente, l’uomo che sussurra alle alici” e il piccolo mondo antico di Cetara
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.