Nato con l’ape vintage itinerante, Pescepane trova ora casa in Sant’Ambrogio, in un locale con una cucina ispirata allo street food di mare e ai sapori decisi: non lontano dalla piazza della movida arrivano fritture, pappa al baccalà e sorbetti tra arredi minimal, pareti verde mare e nasse da pesca come lampadari

IMG_7026

Li avevamo lasciati qui, sul lungarno del Tempio, con l’ape vintage itinerante a proporre street food di mare come mozzarella in carrozza (il “Pescepane”, appunto) e fritti misti. Li ritroviamo a Firenze in Sant’Ambrogio, uno dei luoghi cult della movida fiorentina, non più – o non soltanto – in forma stanziale ma ben stabili in via Carducci. Insieme all’ape, infatti, i titolari del primo street seafood cittadino hanno messo radici e pensato a un vero e proprio locale: la Cucina di Pescepane.

IMG_7022

Non chiamatelo ristorante, però, perché l’obiettivo è comunque offrire un servizio leggero e veloce sempre all’insegna del pesce, anche da asporto. E così, tra arredi minimal con pareti verde mare – il colore ufficiale del brand con la lisca di pesce, peraltro – e nasse da pesca come lampadari, Pescepane propone un menù abbastanza corto e stagionale, non suddiviso nelle tradizionali categorie (anche perché non ci sono primi, proprio in coerenza con lo spirito street food).

pescepane

Ecco dunque fritture miste, pappa al pomodoro con moscardini o con baccalà, panzanella di mare, ecc… fino a zuppe e minestre. Il menù lo si compila in autonomia al tavolo, segnando quantità e ordine delle portate, e si consegna al personale di sala, a riprova di uno stile easy che funzionerà a pieno regime con l’apertura del dehor estivo.

pescepane

Oltre alla versione del “Pescepane” come crostino, tra i piatti più rappresentativi spiccano il fritto misto con gamberi argentini, anelli, ciuffi, latterini e mazzancolle con crudité di verdure, acciughe e sarde con panatura di mandorla e finocchio e panzanella di mare croccante con cozze, vongole e gamberetti. Il pane, infatti, fa da filo conduttore nei piatti, magari sotto forma di panature originali, in continuo dialogo con l’altra metà dell’insegna: il pesce, che viene acquistato da fornitori certificati e ormai di fiduciaChiude il menù una serie di sorbetti creati ad hoc da Simone Bonini di Carapina per Pescepane. Da bere si può scegliere tra vino bianco della casa al bicchiere o una breve lista di etichette italiane (una bollicina, un bianco, un rosé, un rosso). In alternativa birra artigianale o Menabrea o bibite gassate, ma sempre in vetro.

IMG_7025

Con i suoi 28 coperti la Cucina di Pescepane sarà aperta a pranzo e a cena (orario 12-15 e 19-23), tutti i giorni tranne il lunedì: in plancia di comando Tommaso Giovannini e Gianni Pierattoni, già soci nell’impresa del foodtruck, mentre il terzo socio fondatore, Nicola Pasqua, rimarrà a coordinare la parte relativa allo streetfood con le due Apecar. A loro si sono aggiunti in questa avventura altri due amici: Simone Landi e Matteo RodàDal 15 aprile a metà ottobre, infatti, l’apecar vintage di Pescepane tornerà sul Lungarno del Tempio insieme ai truck de La Toraia, con gli hamburger di vera Chianina, e i gelati d’autore di Carapina.

Previous articleBurro e acciughe, il pesce semplice (ma buono). Al prezzo giusto
Next articleFirenze, il plancton arriva al ristorante. Ecco dove assaggiare il trend del momento
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.