Dal salame rosa emiliano al chinotto ligure, dalla mortadella di Prato alla varietà riscoperta di riso piemontese, fino alle praline di pistacchio, il peperone crusco lucano e il prosciutto crudo valdostano. Ecco la selezione del Forchettiere per l’ultimo giorno di Taste 2016 a Firenze

Taste_Leopolda

Ultimo giorno per visitare Taste 2016 alla stazione Leopolda di Firenze, ultima occasione per fare acquisti approfittando della concentrazione di prodotti (quasi tutti) made in Italy. Da sottolineare la potenza dell’enclave emiliana, specie sul fronte dei prosciutti: la food valley parmense si è trasferita in blocco in riva all’Arno, portando il meglio della produzione di Comuni come Soragna o Langhirano. La Toscana è presente con alcune delle migliori birre artigianali, la Sicilia con il cioccolato, la Liguria ovviamente con olio e pesto. Ecco una selezione di ciò che più ci è piaciuto alla kermesse dedicata al buon cibo di qualità:

IMG_2118
Il riso piemontese della varietà “Reperso”, appena riscoperta e commercializzata
IMG_2131
La Giardiniera di Morgan
IMG_2119
Un evergreen: Rita “Peperita”, la signora del piccante toscano
IMG_2121
Dalla Romagna, il salame rosa Bonfatti: spalla, pancetta e prosciutto di suino lavorato a mano e cotto lentamente in stufa
IMG_2122
Dalla Val d’Aosta, il prosciutto crudo di Saint Marcel (ma parmense di origine) arricchito con cinque erbe alpine
IMG_2145
La pralina al pistacchio di Pistocchi, pluripremiato agli ultimi Chocolate Awards
IMG_2132
Dalla food valley emiliana, il prosciutto crudo di Egidio Bedogni: dolce e profumatissimo
IMG_2133
I chinotti canditi e al maraschino dell’azienda ligure Besio, di Savona
IMG_2138
Dalla Romagna, da sentire i pecorini alla camomilla e alla pera
IMG_2142
La mortadella di Bologna aromatizzata al tartufo, dal salumificio BBS di Novellara (RE)
IMG_2124
Da Bisceglie, l’olio Galantino aromatizzato al limone
IMG_2128
Da Baladin, la prima birra artigianale in lattina, POP. In vendita a 2,30 euro
IMG_2129
Dalla provincia di Cosenza, l’olio calabrese Librandi: cultivar locale, sapore deciso
IMG_2127
Il prosciutto crudo di Casa Graziano
IMG_2120
I caprini dell’azienda Castagna di Ornavasso (Vb): alta varietà, alta qualità
IMG_2140
Il culatello di Soragna, dell’azienda Crocedelizia
IMG_2134
Dal Veneto, Meggiolaro presenta il prosciutto cotto a bassa temperatura condito col sale blu di Persia

 

Previous articleL’enogastronomia for dummies, dalla A alla Z
Next articleChe foglie del cappero: da Pantelleria nuovi modi di gustare frutti e boccioli
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.