Giovani, imprenditori, professionisti: ecco il parterre de roi del 28° “A Tavola sulla spiaggia”, in scena giovedì alla Capannina, con i piatti in abbinamento

C’è la gallerista d’arte e l’allenatore di atletica, ci sono le giovani imprenditrici e la coppia di avvocati. Il parterre de roi della 28° edizione di A Tavola sulla spiaggia – la kermesse mondano-gastronomica che andrà in scena giovedì 20 al Bagno Roma di Levante di Forte dei Marmi – conta quest’anno tre concorrenti in meno, causa Covid, passando da dodici a nove. È una delle novità dell’edizione ai tempi della pandemia, insiame al fatto che per la prima volta in 28 anni di storia di sfide all’ultimo mestolo sulle “sabbie nobili” di Forte dei Marmi, quest’anno la manifestazione si svolgerà senza il coinvolgimento del pubblico.

Di conseguenza avranno accesso al locale soltanto i componenti della giuria (inclusi gli chef Gianfranco Vissani, Igles Corelli, Romano Franceschini, Giuseppe Mancino, Michele Marcucci, Lorenzo Viani, Andrea Mattei, Valentino Cassanelli, Alessio Leporatti, Fabio Barbaglini e il pastry chef Valter Tagliazucchi), concorrenti, giornalisti, fotografi e le TV accreditate, oltre al personale di servizio. I tavoli della giuria saranno 4, predisposti a perimetro sulla pista da ballo, per un totale di 40 metri per 40 giurati con un distanziamento fra loro di un metro. Saranno applicate tutte le norme previste con rilevamento della temperatura all’ingresso e mascherina fino a quando saranno tutti seduti. Sui tavoli ciascun giurato avrà a disposizione un antibatterico naturale per igienizzare le mani.

Ecco l’elenco dei partecipanti e i rispettivi piatti, in ordine di uscita:

Francesca Pini (appassionata di equitazione): Club sandwich alla versiliana, in abbinamento a Cuvée Secrete di Arnaldo Caprai

Chiara Mascellani e Donatella Mascalchi (Imprenditrici): Crostone alla Brancaleone, in abbinamento a La Pettegola Banfi

Francesco Salesia e Paola Fagiolini (avvocati): Panzanella croccante ai sapori del Mediterraneo, in abbinamento a Franciacorta Bellavista Alba pas dosé

Wiola Nobili (appassionata di cucina): Passatina di lenticchie di Castelluccio con totanetti spillo, in abbinamento allo champagne Perrier Jouet Grand Brut

Elena Beconi (Avvocato): Crostino con caponata e triglia marinata all’umeboshi, in abbinamento a Cobalto Val delle Rose

Eleonora Bechi (studentessa): Zucchine ripiene in parmigiana, in abbinamento con Campanaio di Podere Monasterio

Barbara Paci (Gallerista d’arte contemporanea): Coda di rospo all’oristanese, in abbinamento con Colore di Bibi Graetz

Giancarlo Chittolini (allenatore sportivo) e Jessica Campostrini (appassionata di viaggi): Sfogliatine con crema di mascarpone e pesche marinate, in abbinamento a Bellussi Superiore di Cartizze

Florence Martin (insegnante di pilates) e Stefanie Gross (giardiniera): Delightfully decadent carrot cake, in abbinamento al Quinto di Colle di Bordocheo

Articolo precedenteL’attore Mel Gibson va alla guerra contro la produttrice di… “Miel Gibson”
Articolo successivoSpirits : tra Versilia e Livorno, due nuovi amari dalla costa toscana
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi