E’ uscito il volume “Tignanello. Una storia toscana”: la storia del vino precursore dei Supertuscans, raccontata dal marchese Piero Antinori, celebra quello che Wine Spectator ha definito “il vino più influente nella storia d’Italia”

Un volume per celebrare quello che la rivista americana Wine Spectator ha definito “il vino più influente nella storia d’Italia”: è uscito in libreria il libro “Tignanello – Una storia toscana”, che racconta – per bocca del marchese Piero Antinori – la storia del vino precursore dei Supertuscans. E’ proprio lui, nell’introduzione, a spiegare lo spirito dell’iniziativa: “Ho 76 anni, sono a capo dell’azienda da 49, porto un cognome che esiste da almeno sette secoli. Più o meno da allora è un cognome legato al vino… e ancora oggi, mentre in vigna inizia a lavorare la ventisettesima generazione della famiglia e mentre in cantina è pronta l’annata 2012, ecco, oggi, vorrei che questa fosse la storia di un luogo e di un vino, che portano lo stesso nome. E vorrei che questa potesse essere anche, in qualche modo, la storia di come nasce e matura ogni grande vino”.

ITA.cover.Tignanello

Con queste parole, il Marchese Piero Antinori introduce il suo libro dedicato al Tignanello, il vino che l’autorevole rivista americana Wine Spectator ha definito “the most influential wine in the history of Italy”. Un vino rivoluzionario sia in Italia sia all’estero che ancora oggi, dopo oltre 40 anni, è una delle etichette italiane più conosciute nel mondo. Il volume dà spazio alle persone, ai luoghi e alla genesi di un prodotto unico. Parole appassionate accompagnate da splendide immagini: “Tignanello. Una storia toscana” è così un autentico viaggio nella memoria del marchese Piero Antinori.

Famiglia Piero Antinori

Una storia raccontata in prima persona che inizia nel 1971, anno di nascita del Tignanello, frutto di scelte tanto audaci quanto innovative: per la prima volta viene superato il disciplinare della zona, si utilizza la fermentazione malolattica e si passa all’invecchiamento in barriques. Un vino dal cuore Toscano, universalmente considerato “l’artefice del Rinascimento dei vini italiani”, poiché ha segnato il nuovo corso enologico italiano.

“Tignanello. Una storia toscana”, Piero Antinori
Cinquesensi Editore
208 pagg
euro 45,00

Articolo precedenteFirenze SMN, sfida al degrado: arriva il ristorante Fratelli Cuore
Articolo successivoArtimino, serata di musica e champagne per “Bollicine”
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi