Il Boroli Wine Forum 2013 “Vino e Architettura: la cultura italiana conquista la Cina” – giunto alla IV° edizione – si terrà l’8 marzo prossimo presso la Cantina La Brunella di Castiglione Falletto (CN).

L’importanza dell’edizione 2013 è dimostrata dal tema e dall’autorevolezza del panel di ospiti e relatori che faranno da corona al forum; quest’anno, infatti, l’argomento centrale sarà la Cina, intesa non solo come mercato in forte espansione per il vino italiano, ma anche quale chiave di volta per la creazione di una nuova architettura legata allo sviluppo di questo mercato.

Moderato da Bruno Vespa, il forum vedrà la partecipazione di alcuni importanti esponenti istituzionali cinesi oltre ad importatori cinesi e giornalisti di settore, affiancati da produttori di eccellenza italiani, a confronto con celebri firme americane di un mercato che fino ad oggi ha fatto la fortuna delle aziende vinicole italiane.

Tra i relatori, infine, sarà presente l’architetto Massimo Roj, già da tempo impegnato in Cina con il suo studio – Progetto Cmr – all’interno di quello che oggi è considerato il mercato edilizio più attivo e più esteso al mondo.

Un argomento di grande interesse, quello della Cina, che il Boroli Wine Forum intende analizzare secondo una prospettiva globale, mettendo in luce gli aspetti commerciali ma anche quelli infrastrutturali, necessari per un corretto insediamento delle etichette italiane in Oriente.

Durante il forum saranno messe in luce le opportunità che il comparto vitivinicolo deve cogliere, confrontandosi con un paese dalle forti differenze culturali e burocratiche, analizzandone le abitudini ed il modo di pensare anche negli aspetti puramente contrattuali.

Una vera e propria tavola di lavoro quella del Boroli Wine Forum che intende fornire soluzioni concrete per tutti i produttori italiani che intendano confrontarsi con la Cina di oggi.

Articolo successivoMontepulciano, ecco le date dell’Anteprima 2013
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi