Torna Toscana da bere, il viaggio tra i cocktail bar del Granducato: da un’idea di Federico Bellanca, ogni settimana passiamo in rassegna i luoghi del “bere bene” miscelato. Oggi andiamo a Cortona (Arezzo) per scoprire la Bottega Baracchi

Esaltare la toscanità in tutte le sue forme, soprattutto le più golose e goderecce per il palato: questa l’idea che sta dietro a Bottega Baracchi. Sorta nel cuore di Cortona (nella più bella piazza panoramica che da i cortonesi è chiamata sempre col vecchio nome di piazza Carbonaia), la bottega è un vero e proprio concept shop a metà strada tra ristorante, wine e cocktail bar e negozio con la missione di porre avanti a tutto la ricerca delle eccellenze enogastronomiche del territorio.

bottega baracchi cortona arezzo

In questo laboratorio del gusto in cui è possibile sperimentare ogni aspetto della tavola grazie a degustazioni guidate, lezioni di cucina e dimostrazioni: si viene per godersi ogni momento della giornata, partendo dalla colazione, passando per un pranzo veloce, per una cena curata e ovviamente per sperimentare un drink al bancone.

bottega baracchi

In questo laboratorio del gusto i cocktail hanno decisamente un ruolo centrale, grazie alla sfida di utilizzare in miscelazione non solo distillati del territorio, ma anche i vini che l’azienda stessa produce. Le etichette di Cantina Baracchi sono protagoniste in cocktail, tendenza sviluppata anche a concorsi di mixology da cui sono emerse nuove creazioni come nel “Que Serà Sirah” a base di Smeriglio Syrah oppure il “Quo Vadis” a base di Astore.

In breve tempo il locale è diventato il punto di riferimento della zona per chi vuol bere bene, anche grazie ad aperitivi e cocktail di qualità e di design, accompagnati dai “piattini” gourmet dello chef e ad una continua innovazione  che porta ad una proposta di un cocktail limited edition ogni settimana.

bottega baracchi

Un amore per il territorio che non si trova solo nelle materie prime, ma anche nei dettagli. Basti pensare che tutti i materiali usati per realizzare la Bottega (nell’arredamento la preferenza è per i colori naturali e chiari che si intonano al meglio alle pietre secolari e alle volte di cotto. Il legno, il ferro e il vetro danno a questo spazio un carattere nuovo e in sintonia con i ricordi del passato) sono di provenienza toscana. Un mood che rispetta le origini del luogo, rivestendolo però di quell’imprescindibile contemporaneità. e lo stesso è per i prodotti selezionati tra i tanti produttori che percorrono la strada dell’eccellenza, dell’ecosostenibilità, e anche la scelta della filiera corta e biologica.

BOTTEGA BARACCHI
via Nazionale,78 Cortona
info@bottegabaracchi.com

Previous articleToscana da Bere, viaggio tra i cocktail della rergione: il Garnish a Viareggio
Next articleIl primo cucchiaino da gelato della storia? Probabilmente era fatto così
Federico Bellanca
Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…