Toscana da bere, viaggio tra i cocktail bar della regione: Caffè dei Costanti ad Arezzo

caffè dei costanti arezzo

Torna Toscana da bere, il viaggio tra i cocktail bar del Granducato: da un’idea di Federico Bellanca, ogni settimana passiamo in rassegna i luoghi del “bere bene” miscelato. Oggi andiamo a Arezzo per scoprire Caffè dei Costanti

caffè dei costanti

Ci sono luoghi in ogni città, testimoni di particolari momenti o di intere epoche della vita della città stessa. Il Caffè dei Costanti è per Arezzo uno di questi luoghi. Situato in pieno centro storico, il Caffè ha visto Arezzo passare dalla Toscana Granducale all’Italia unita.

Aperto nel 1804, nel ridotto della Civiltà Accademica dei Costanti, è inizialmente un caffè d’élite, inaccessibile alla cittadinanza, potendolo frequentare soltanto Soci Accademici Fondatori e i nobili delle famiglie più importanti. E solo negli anni seguenti all’Unità d’Italia che il Caffè cessa di essere un luogo esclusivo dell’Accademia, e diviene un vivace punto di incontro aperto a tutta la cittadinanza. Quando nel 1886 si inaugura la stazione ferroviaria di Arezzo.

Per collegarla con il centro cittadino viene aperta l’attuale via Guido Monaco. La facciata del Caffè non è più chiusa da un’angusta viuzza, ma si affaccia nella nuova piazza San Francesco, che diviene il salotto buono della città, con i suoi tavolini sotto un ampia tenda parasole e i suoi lampioni a gas. Il Caffè vuole ora richiamare i passanti, trasformandosi in Caffè Chantant e agli inizi del secolo diviene anche ristorante.

Il Caffè resta con il suo con i suoi specchi, degli stucchi di aretini illustri, dei marmi rossi dei tavoli e del legno degli arredi in ambienti uno dei punti di riferimento degli Aretini, e non è un caso che nel 1997 venga scelto per l’ambientazione di alcune scene del film premio Oscar di Roberto BenigniLa vita è bella”.

caffè dei costanti

Dal 6 dicembre 2007 il Caffè dei Costanti è stata acquisita e ristrutturato da Marco Grotti e Pietro Brocchi i quali con enormi sforzi lo hanno completamente ristrutturato portando linfa nuova e un adeguamento di tempi odierni, raggiungendo risultati importanti come nel 2009-10 è risultato miglior Bar d’Italia “Gambero Rosso” caffè storici.

caffè dei costanti

Grazie all’esperienza di Marco nel mondo del bartending, (che oltre ad essere il proprietario già a vent’anni stava dietro al bancone, ed è stato anche istruttore Aibes) affiancato da Jacopo Sabatini (tornato in patria forte di un’esperienza in Inghilterra), nell’ultimo decennio il Caffè ha saputo valorizzare anche la miscelazione, proponendo i grandi classici, tenendo sempre con un occhio sulle ultime tendenze di mercato, anche grazie alle guest night mensili ad opera di Andrea Marangio (che oltre ad essere un grande professionista è anche il titolare del sito Barman Italia).

Federico Bellanca

Federico Bellanca

Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…

Be first to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.