Toscana da bere, viaggio tra i cocktail bar della regione: Baracchina Bianca a Livorno

baracchina bianca livorno cocktail bar

Torna Toscana da bere, il viaggio tra i cocktail bar del Granducato: da un’idea di Federico Bellanca, ogni settimana passiamo in rassegna i luoghi del “bere bene” miscelato. Oggi andiamo a Livorno per scoprire la Baracchina Bianca

Ci sono bar e bartender le cui storie sembrano indissolubilmente legate. Capita che l’equilibrio tra i due sembri essersi creato nel tempo in maniera armonica, e anno dopo anno continui ad autoalimentarsi, portando la crescita del primo ad essere il successo del secondo e viceversa.

Baracchina Bianca di Livorno Paolo Mati

La storia recente di Baracchina Bianca di Livorno non può essere capita e apprezzata se si prescinde da l’uomo che presiede il bancone da ormai 26 anni: si tratta di Paolo Mati, bartender la cui passione ha traghettato il locale labronico attraverso vari cambi di proprietà, fino ad arrivare all’attuale che lo vede addirittura come socio. Appassionato di bar fin da giovane, il bartender livornese si è fatto le ossa sulla piazza fiorentina ( lavorando in locali rinomati come Paszkowski o il Colle Bereto, di cui seguì anche l’apertura), per poi tornare nella sua città natale e prendere in mano le redini della storica Baracchina.

Baracchina Bianca di Livorno

Il locale, adagiato dolcemente vicino al mare, è diventato con il tempo uno dei punti di riferimento per i labronici, che fin dalla mattina lo affollano per colazioni e pranzi, ma è soprattutto la sera che trova la sua vera anima. Da decenni ormai è qui che escono i giovani, e chissà quanti hanno scoperto il mondo della miscelazione proprio qui. Una passione quella per l’insegnamento che Paolo coltiva in svariate maniere, ma soprattutto attraverso il suo ruolo in AIBES che lo ha portato anno dopo anno a confrontarsi con i nuovi bartender della regione.

Baracchina Bianca di Livorno

Far prevalere la qualità in qualsiasi aspetto del mondo del bar è la sua missione, e non è un caso che alla “Baracchina” i cocktail siano creati con la miglior materia prima, e proposti all’aperitivo in abbinamento a gustosi assaggi.

Non è qui che si viene per il famigerato “apericena”, e i clienti appassionati lo sanno. Alla Baracchina Bianca il cliente ricerca un momento di pace, magari all’aperto, godendosi il tramonto sul mare e l’equilibrio perfetto dei cocktail. Una vera e propria tradizione livornese, che siamo sicuri continuerà fintanto che il binomio tra i due protagonisti contraddistinguerà la città. E noi siamo certi che sarà così ancora a lungo!

Federico Bellanca

Federico Bellanca

Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…

Be first to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.