Toscana da bere, viaggio tra i cocktail bar: Fonteverde Spa a San Casciano dei Bagni

fonteverde spa cocktail bar

Torna Toscana da bere, il viaggio tra i cocktail bar del Granducato: da un’idea di Federico Bellanca, ogni settimana passiamo in rassegna i luoghi del “bere bene” miscelato. Oggi andiamo a San Casciano dei Bagni per scoprire Fonteverde Spa

In questo tour attraverso i migliori bar della Toscana, talvolta si affrontano viaggi lunghi, che arrivano a toccare i confini stessi della regione. Eppure ci sono dei locali – e dei bartender – che sicuramente valgono il viaggio e nessuno lo merita di più di Andrea Francardi al Fonteverde Spa di San Casciano dei Bagni (Siena).

Situato sulla linea di demarcazione tra Umbria, Lazio e il Fu Granducato, lo Spa Resort in questione ha saputo prendere il migliori elementi dalle differenti regioni con cui si trova a contatto, partendo dalle acque termali, fino alla cucina che sfrutta con fantasia le materie prime che la zona sa generosamente offrire, con contaminazioni dei diversi territori. Ma uno dei punti di forza di questa struttura 5 stelle è indubbiamente il bar, gestito ormai quindici anni dalle sapienti mani di Andrea Francardi.

Mani sapienti sì, ma anche vincenti, in quanto stiamo parlando di uno dei bartender che più di tutti in Italia ha saputo imporsi nelle competition riportando risultati clamorosi, come ad esempio le cinque vittorie ad Elba Drink, compresa quella ottenuta all’ultima edizione (a cui si aggiunge la doppietta con 110 e Lode, la manifestazione rivolta ai Bar d’Hotel, sempre vinta nel 2018).

Andrea però, come ogni bartender che si rispetti, dà il meglio di se nel lavoro quotidiano, unendo i cocktail classici alle sue creazioni, per soddisfare il curioso e attento pubblico italiano (i romani e i fiorentini sono sicuramente tra i clienti più affezionati alla struttura) tanto quanto internazionale. Saper accontentare il cliente nella quotidianità infatti è una sfida più dura ma al tempo stesso soddisfacente di qualsiasi competizione perché – come dice Andrea – “in gara bisogna creare un drink che medi i gusti della giuria, mentre al bar il talento di un bartender sta nel ritagliare il cocktail su misura, persona per persona”. Un impegno quotidiano che Andrea onora ad ogni nuovo servizio.

Se come si dice “tutte le strade portano a Roma”, è anche vero che il tragitto può essere spezzato da piacevolissime pause. Pra lo sapete, basta una piccolissima deviazione dall’autostrada per immergersi in uno stupendo, rilassante bar d’hotel circondato dalla natura e dalle acque termali.

Federico Bellanca

Federico Bellanca

Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…

Be first to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.