Webminar, videoricette, formazione online…chi più ne ha, più ne metta. In questo periodo di quarantena il Web è sicuramente un amico per mantenersi informati e scoprire di più sul mondo della cucina e, perché no, su quello della mixology

Per chi volesse usare il tempo a disposizione per accrescere la propria cultura sul mondo del bar, abbiamo selezionato per voi tre format video molto diversi tra di loro, che possono tenervi compagnia ed aiutarvi a saperne di più sugli spirits e  sull’arte della miscelazione:

Whisky For Breakfast

PER TUTTI I VIDEO CLICCA QUI

Il mondo del Whisky è tanto affascinante quanto le volte poco conosciuto. Se infatti questo nobile distillato gode di moltissimi appassionati, dall’altro lato molti aspetti (non solo tecnici, ma anche storici) non sono noti ai più, anche perchè essendo rachiusi in manuali di settore rischiano di risultare non facilmente acessibili e le volte troppo tecnici per un pubblico che sta cominciando ad avvicinarsi a questo mondo.Siamo felici dunque di presentare “Whisky for Breakfast” il primo format di video-educational dedicato a questo mondo. Queste pillole, a cura di Daniele Cancellara, Bar Manager di Rasputin, non hanno pretesa ovviamente di completezza, ma lo scopo di incuriosire ed avvicinare una nuova generazione di appassionati.

ApeTime

PER TUTTI I VIDEO CLICCA QUI

Il sito dedicato al mondo dell’aperitivo ci porta grazie alla sua vasta collezione di video (ideati e diretti da Nicole Cavazzuti, famosa non a caso come “Lady Cocktail”) in un tour virtuale dei bar d’Italia, per scoprire personaggi, curiosità, ricette e libri. Attendendo di poter andare a visitare i locali di persona, perché non approfittarne per scoprire un po’ di più sui grandi nomi e sulle diverse città, e sulla loro proposta?

Julian Biondi per Florence Cocktail Week

PER TUTTI I VIDEO CLICCA QUI

Sul canale ufficiale della Kermesse fiorentina sono state caricate una serie di videoricette facili e veloci da riproporre a casa, usando misurini improvvisati (come portauova e tazzine) e attrezzature facilmente reperibili (come il Thermos-Shaker), il tutto condotto da un simpaticissimo e brillante Julian Biondi. Aspettando di tornare al bar, almeno si può improvvisare un aperitivo in casa

Articolo precedenteDallo Stamppot ai Pannenkoeken: i 5 piatti da non perdere ad Amsterdam (e dove assaggiarli)
Articolo successivoCoronavirus e ristorazione, cosa succederà adesso alle guide gastronomiche?
Federico S. Bellanca
Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…

Rispondi