Si parlerà di vino, lievitati e formaggi, con laboratori pratici/teorici insieme a chef di fama (Spigaroli e Trentini, Parizzi e i Costardi Bros, Giacomello e Usai) e al truck food: per tre weekend, da oggi fino a metà ottobre, Parma ospita la prima edizione della rassegna Gustovago

Ciacco_Streetfood-Gustòvago Ce ne sarà per tutti i gusti, per soddisfare la curiosità degli appassionati di vino, dei lievitati e dei formaggi. Ma sarà anche l’occasione per vedere all’opera chef di prima fascia, assaggiare street food e così via. Tutto questo è Gustovago, a Parma, la prima edizione della rassegna che – per dirla con le parole del curatore, Francesco Fadda – vuol “far vivere la cucina declinata in tutte le possibili visioni, dalla quella gourmet allo street food passando per la cucina delle nostre nonne. Perchè il cibo è prima di tutto cultura e passione, e la cultura è il più grande patrimonio che trasferiremo ai nostri figli”. foto3 L’appuntamento è per i primi tre weekend di ottobre: si parte oggi e domani, poi il 9-10 ottobre e il 16-17. Ogni venerdì Gustovago proporrà una cena gourmet a quattro mani: grandi interpreti della cucina italiana fonderanno il loro sapere, l’artigianalità e la manualità che li contraddistingue, per offrire tre serate davvero uniche. Tra gli autori del gusto Massimo Spigaroli (Antica Corte Pallavicina di Polesine Parmense) e Marcello Trentini (Magorabin a Torino) venerdì 2 ottobre, Marco Parizzi (ristorante Parizzi, Parma) e i Costardi Bros (ristorante Christian & Manuelvenerdì 9 ottobre), Terry Giacomello (Inkiostro, a Parma) e Daniele Usai (Il tino, Ostia) venerdì 16 ottobre. In ogni caso, protagonisti saranno prodotti tipici emiliani. Usai-Gustòvago Il sabato invece la giornata sarà dedicata al cibo e al vino attraverso i laboratori, con una connotazione più pratica: la mattina dalle 10 alle 13.30 il pubblico potrà sporcarsi letteralmente le mani grazie ai laboratori gratuiti di enogastronomia e winery, apprendere l’arte dell’ospitalità, i trucchi per servire al meglio il vino e le magie di preparazione dei cibi. Nel pomeriggio tanto spazio ancora alla cultura con i Talk di Gustòvago durante i quali sarà possibile assistere alla presentazione di libri, interviste e dibattiti con i grandi interpreti della cultura enogastronomica italiana tra cui la presentazione con Enzo Vizzari delle Guide dell’Espresso e dello Chef rivelazione dell’anno per le stesse guide, Luca Abbruzzino, dei volumi XXL e 100 Chef x10 Anni di Paolo Marchi e ancora Pop Food dello Chef Davide Oldani. Il tutto corredato da degustazioni guidate, live cooking e banchi di assaggio di numerosi piccoli produttori (dalle 16.00 alle 21.00, prenotazione obbligatoria). Frysell_Streetfood-Gustòvago Un cenno merita la location, che sarà l’ex fabbrica Manzini in via Palermo 6, uno spazio “di recupero” adattato nell’ottica dello spreco zero, tra vecchi ponteggi di cantiere e pallet: un allineamento, anche su questo livello, ai temi di Expo 2015. È qui che i visitatori di Gustovago troveranno, per l’intera giornata di sabato dalle 12 alle 24, food truck pronti a offrire degustazioni di vino, birra e street food. Protagonisti-Gustòvago Le cene del venerdì sono prenotabili contattando direttamente il ristorante o sul sito www.gustòvago.it.

Articolo precedentePastation: Verdini jr & Gucci jr si danno alla cucina nel palazzo nobiliare
Articolo successivoGelato Festival 2015: titolo a Badiani, ma il nostro vincitore è un altro
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi