A Pontassieve (Firenze) in scena da venerdì 6 a domenica 8 settembre Cookstock 2019, la sesta edizione della kermesse tra cibo, vino e musica

cookstock 2019

Ancora una volta cibo e musica si incontrano a Pontassieve (Firenze) per Cookstock 2019: tra la direzione artistica di Leonardo Romanelli e quella musicale di Franco Baggiani, anche quest’anno il calendario del festival enogastronomico in scena nel weekend “là ove la Sieve con l’Arno si confonde” sarà ricco di spunti e occasioni.

Da venerdì, per tre giorni la kermesse organizzata dall’Associazione Cavolo a Merenda in collaborazione con il Comune di Pontassieve e l’azienda vinicola Ruffino riempirà il centro storico di Pontassieve di stand, musica e foodtruck il centro storico di Pontassieve. Evento, presentazioni e concerti saranno dislocati in un percorso che dalle cantine Ruffino arriva fino al Piazza Verdi di San Francesco, passando per il centro storico, cuore pulsante del Festival.

cookstock 2019

Piazza Vittorio Emanuele II ospiterà gli artigiani del gusto con i foodtruck, mentre piazza Boetani con la grande griglia e il girarrosto dell’azienda Gerini, offrirà insieme alla birra Ichnusa, un’esperienza all’insegna della tradizione. In piazza XIV Martiri, la terrazza del Borgo, si potrà gustare la cucina di montagna con i tortelli di San Godenzo, la farina di castagne, la cacciagione. A San Francesco spazio ai ricordi con la musica della Mecca e le storiche birre dello Uimpi bar, cult della Pontassieve anni Ottanta.

cookstock 2019

Dopo il successo dello scorso anno torna la riscoperta del fiume insieme al Lido Manderino, con il biciBar, la sangria e le colazioni sul fiume Sieve. Il ponte Mediceo torna ad ospitare i cooking show condotti da Leonardo Romanelli che coinvolgono alcuni dei protagonisti della cucina toscana: Simone Bartolini, Vetulio Bondi, Christian Borchi, Stefano Frassineti, Andrea Magnelli, Andrea Perini, Enrico Romualdi, Edoardo Tilli e Gaetano Trovato.

Alla conoscenza e scoperta del vino, delle “bollicine” e delle prelibatezze sarà invece dedicata la Sala delle Colonne, la sala espositiva del palazzo comunale, che si affaccia su Piazza Vittorio Emanuele II, si trasforma nei tre giorni di Cookstock nella sala degustazioni (prenotazioni qui)  tra le quali spiccano le “verticali” di prosciutti, le degustazioni di eccellenze Ruffino e Frescobaldi, fino allo champagne. Il cocktail bar delle Muratine sarà invece uno dei punti centrali delle serate con concerti e dj set dalle 21 fino a tarda sera.

Quest’anno anche tanta musica: concerti sul fiume (si segnala quello inaugurale sotto il Ponte Mediceo venerdì 6 alle 18,30 con il Dixieland di New Orleans con Franco Baggiani e Ghebus), itineranti e in altri spazi e luoghi della manifestazione.

Tutti gli spettacoli, e i concerti in programma sono a ingresso libero. Gli eventi nella sala delle Colonne sono a pagamento e su prenotazione.

Previous articlePorto S. Stefano: Torre d’Argento, l’Argentario gastronomico di chef Francesco Carrieri
Next articleFurti record di bottiglie pregiate: due rapine leggendarie e una… finita malissimo
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.