Provati per voi: la Zeffirelli’s Tea Room in piazza San Firenze

All’interno degli spazi che ospitano la Fondazione Zeffirelli trova posto un locale a metà strada tra la sala da thé e il ristorante “segreto”: è la Zeffirelli’s Tea Room, la gestiscono due giovani sorelle con un occhio attento ai dettagli e alla semplicità. E hanno già una fan d’eccezione…

la Zeffirelli's Tea Room in piazza San Firenze

Del maestro del cinema Franco Zeffirelli devono aver preso, quasi per osmosi, l’attenzione ai dettagli e la cura dei particolari. Già, perché il primo elemento che colpisce l’attenzione di chi varca la soglia della Zeffirelli’s Tea Room, in piazza San Firenze (Firenze) è proprio la presenza di un occhio femminile. Anzi, di quattro. Sono quelli di Ludovica e Ginevra Santedicola, che gestiscono il piccolo locale – a metà strada tra la sala da thé e il ristorante “segreto”, che non ti aspetti in un contesto del genere- all’interno degli spazi che da un annetto ospitano la Fondazione Zeffirelli.

FB_IMG_1531042024816 (1)

Negli spazi dell’ex tribunale, in un locale che fa parte del complesso dedicato al maestro Zeffirelli ma mantiene una sua peculiare autonomia – a partire dal fatto che non serve biglietto per accedervi – è stato ricavato così un “luogo del cuore” (più che dello stomaco) che i fiorentini potrebbero riscoprire non senza sorprese ogni giorno – tranne il giovedì – dalle 10 alle 20, e il weekend anche fino a mezzanotte.

la Zeffirelli's Tea Room in piazza San Firenze

Tra la saletta e la corte interna della Zeffirelli’s Tea Room si possono degustare primi semplici ma accattivanti come gli spaghetti al pomodoro con stracciatella di burrata (foto in alto) o i ravioli fatti a mano con ricotta e limone, cacio e pepe, oppure ancora le mezze maniche di grano duro con melanzane e ricotta fresca. Spazio poi a secondi come il roastbeef al pepe rosa con verdure al forno, il carrè di maiale marinato nel miele con zafferano e pomodorini. Attenzione è rivolta poi ai classici come la fresella pugliese e agli antipasti come la selezione di formaggi con confetture artigianali (foto in basso).

la Zeffirelli's Tea Room in piazza San Firenze

Un menù che piace a turisti di passaggio e fiorentini, ma che ha già trovato una fan d’eccezione, la pluristellata Annie Feolde (in basso insieme ad Annamaria Tossani) che da queste parti transita con una certa frequenza. Garanzia di qualità, si diceva una volta, tanto più che con 30 euro ci si alza da tavola soddisfatti. Un motivo in più per scoprire le diverse anime della Zeffirelli’s Tea Room, ideale per un pranzo veloce, un thé o un aperitivo.

36688161_2217178344976889_2096882576701521920_n

Le due giovani – Ginevra la mora, Ludovica la bionda – sono l’anima del locale, che tiene in medesima considerazione forma e sostanza dell’esperienza gastronomica: la prima è data dalla cura dei dettagli multisensoriali, che si traducono nel profumo dei fiori di lavanda o nell’arredamento d’antan del bar impreziosito da deliziosi particolari; la seconda si ritrova invece nei piatti del menù, semplici ma ben eseguiti e portati al tavolo col sorriso e un giusto mix di discrezione e ricerca del contatto con l’ospite.

la Zeffirelli's Tea Room in piazza San Firenze
Zeffirelli’s Tea Room

piazza San Firenze, 5
Tel. 055-265 8143
E-mail: pernondormiresrl@gmail.com

Marco Gemelli

Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itreforchettieri.it, embrione del Forchettiere. Gestisce infine un Bed & Breakfast a Firenze (www.damilaflorence.com).

Be first to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.