Firenze, doppio colpo per lo street food: il fritto da Eataly e alla Buoneria

arancino prosciutto mozzarella1

Doppio appuntamento con lo street food nella gastro-movida dell’estate fiorentina: da un lato il primo festival del cibo di strada da Eataly Firenze, dall’altro il debutto del “cuoppo” napoletano alla Buonerìa arancino Firenze, doppio colpo per lo street food: il fritto da Eataly e alla Buoneria

Duplice appuntamento con lo street food a Firenze: da un lato giovedì arriva il primo festival del cibo di strada da Eataly Firenze, in via Martelli, dell’altro domani sera debutta il “cuoppo” napoletano della famiglia Tutino alla Buonerìa del Fosso Bandito, alle Cascine. Ecco i due appuntamenti che vanno ad aggiungersi alla gastro-movida dell’estate fiorentina 2017.

Il Festival #instrada di Eataly Firenze

Lampredotto Firenze, doppio colpo per lo street food: il fritto da Eataly e alla Buoneria

Da giovedì 22 a domenica 25 giugno 2017 per la prima volta Eataly Firenze organizza un evento in strada dedicato allo street food, nel dehor in via Martelli a pochi passi dal Duomo, con proposte da tutta Italia a partire da 2,50 €. Stand e corner tematici saranno dedicati – giovedì dalle 18 alle 23, venerdì e sabato dalle 12 alle 23, domenica dalle 12 alle 20 – ai migliori cibi da strada provenienti da tutta Italia. La Toscana sarà rappresentata dal panino col lampredotto (2,5 euro) e la focaccia 5 e 5,  torta di ceci e melanzane (5 euro), la Puglia risponde con il panino col polpo (7,50 euro) e il Lazio con la pizza romana in tante versioni (5 euro). La Lombardia propone la focaccia Tonnè, un omaggio al celebre antipasto Piemontese, a cura della Trattoria Masuelli, ristorante del mese di giugno all’Osteria di Sopra (5 euro) mentre a completare l’offerta sono i fritti del sud: supplì al ragù e al Chianti (2,50), arancino ragù e piselli oppure cotto e mozzarella (5 euro).

Il fritto napoletano alla Buonerìa

buoneria firenze polo pizza - ph Paolo Matteoni

Il vero fritto napoletano – lo street food più caratteristico della lunga tradizione gastronomica campana, tramandato di generazione in generazione – sbarca alla Buonerìa del Fosso Bandito, alle porte delle Cascine: da domani, mercoledì 21 giugno, all’interno della struttura (che per tutta l’estate diventa il polo della pizza più grande d’Italia) troveranno posto due carrettini dedicati al “cuoppo” partenopeo, il tipico fritto servito nel cono di carta gialla. A prepararli sarà la famiglia Tutino, ovviamente proveniente da Napoli, che con Lino e suo figlio Ciro vanta una tra le più apprezzate friggitorie del capoluogo campano. L’appuntamento con il debutto del fritto alla Buonerìa è per mercoledì 21 giugno a partire dalle 19, quando i due carrettini sforneranno arancini di vario tipo, fritti di verdure, crocché napoletane (a base di patate), frittatine di pasta (a base di bucatini) e pasta fritta sulla falsariga delle “montanare” by Starita che alla Buonerìa stanno spopolando da quando il guru don Antonio Starita le ha portate a Firenze.

Marco Gemelli

Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itreforchettieri.it, embrione del Forchettiere. Gestisce infine un Bed & Breakfast a Firenze (www.damilaflorence.com).

Be first to comment

Rispondi