Nel giro di poche settimane la Bistecca alla Fiorentina è stata chiamata come ospite d’onore in eventi dall’altra parte del mondo: prima in Brasile per “Barbaros BBQ”, adesso alle Bahamas

Non sono solo gli chef ad andarsene in vacanza, specie dopo periodi particolarmente impegnativi dal punto di vista lavorativo. A volte a concedersi un viaggio dall’altra parte del mondo sono anche… i prodotti. Accade con il vino, naturalmente, ma non era ancora accaduto con una tipicità come la bistecca alla Fiorentina. Eppure è successo: prima in Brasile, dove la Trattoria dall’Oste è stata ospite d’onore a “Barbaros BBQ”, adesso alle Bahamas per una settimana dedicata alla cucina toscana.

Nel primo caso – che ha portato la carne da Terranuova Bracciolini (AR) a Nassau, capitale delle Bahamas – artefice è stata l’antica Macelleria Griglieria Giaccherini, insieme ad Enrico Garzaroli, proprietario dell’hotel Graycliff di Nassau. Quest’ultimo ha chiesto a Maria Pavese, proprietaria della macelleria, di andare con lo staff del ristorante alle Bahamas per insegnare in loco a lavorare la carne ed in particolare per far conoscere la cucina toscana. Col patrocinio di Vetrina Toscana ha così organizzato una settimana dedicata alla cucina locale: una serie di eventi – da lunedì, con 15 quintali di bistecche capitanate dalla Chianina – che faranno sembrare l’isola caraibica un angolo di Toscana.

E mentre prosegue sottotraccia il percorso di candidatura della bistecca alla Fiorentina a patrimonio dell’Umanità UNESCO – con il comitato formato da Comune di Firenze, Regione Toscana e Accademia della Fiorentina che sta portando avanti l’iter per il riconoscimento – anche la Trattoria dall’Oste continua porta la bistecca alla Fiorentina in giro per il mondo. L’azienda è stata invitata a San Paolo del Brasile per partecipare come unico ospite internazionale a “Bárbaros BBQ”, la più grande manifestazione del Sudamerica dedicata al mondo del food, con oltre 4500 partecipanti. Lo staff e lo chef della Trattoria dall’Oste sono stati presenti con l’obiettivo di far conoscere la bistecca alla fiorentina al mercato brasiliano, servendo nell’occasione oltre 500 kg di carne con l’osso. Alla fine della kermesse, lo stand toscano è risultato il secondo più visitato dell’intera manifestazione.