Presentata la Chianti Classico Card, un passe-partout per visitare più di 100 cantine e godere di oltre 200 esperienze immersi nelle colline tra Firenze e Siena

chianti classico card

Una sorta di Firenze Card, nelle intenzioni e nel funzionamento, ma allargata all’intero territorio del Gallo Nero: è la Chianti Classico Card, il progetto nato in collaborazione tra il Consorzio del Chianti Classico, il Comune di Firenze e Silfi. Così come la carta fiorentina vuol essere uno strumento per facilitare l’accesso ai capolavori artistici del capoluogo toscano, la Card del Gallo Nero guiderà l’eno-turista alla scoperta di uno degli elementi fondamentali della storia e della cultura toscana. “Promuovere il Chianti e le cantine del Consorzio Vino Chianti Classico – sottolinea Cecilia Del Re, assessora al Turismo del Comune di Firenze – rappresenta un’occasione importante per valorizzare l’enoturismo e, in particolare, una nuova forma di turismo esperienziale outdoor idonea ad aiutare la ripartenza dei flussi in questo momento storico”.

Acquistando la Chianti Classico Card gli appassionati potranno scegliere fra oltre 200 esperienze fra le offerte delle oltre 100 aziende viticole e olivicole del territorio che hanno aderito al progetto, degustando i prodotti a marchio Gallo Nero e visitando i tesori artistici e architettonici che si trovano tra le colline tra Firenze e Siena. In sostanza, dentro una piccola card è racchiuso tutto il mondo del Gallo Nero da scoprire nelle sue sfaccettature: cultura, storia, arte ed enogastronomia di altissima qualità.

“Sebbene l’economia del turismo sia stata duramente colpita dalla pandemia – afferma Carlotta Gori, direttore del Consorzio –  già nel 2020 i mesi estivi avevano visto una buona ripresa del flusso turistico nella zona di produzione del vino Chianti Classico, che è stata scelta come meta di vacanza soprattutto da ospiti locali e italiani. Poter passare alcuni giorni di relax, di sport o di approfondimento culturale, da soli, in coppia o in famiglia, in luoghi aperti, nel verde, senza il pericolo di assembramenti e godendo della bellezza di un paesaggio unico al mondo, di un altissimo patrimonio storico-culturale e dei piaceri offerti dall’enogastronomia locale, sono solo alcune delle motivazioni per chi ha deciso di scegliere la terra del Gallo Nero”.

chianti classico card

La Chianti Classico Card funzionerà a punti. O meglio a “Galli Neri”. Al momento dell’acquisto, il turista potrà scegliere diverse tipologie di Card e ognuna delle 214 esperienze proposte dalla card avrà un valore da 1 a 3 “Galli Neri”. Una volta acquistata nei luoghi preposti, sul portale card.chianticlassico.com o sulla App “Chianti Classico Card”, l’utente dovrà solo attivarla inserendo nell’App un codice specifico che gli verrà trasmesso via mail dopo l’acquisto online o che troverà sul retro della Card. Fatto questo potrà dare inizio al suo viaggio, prenotando le sue esperienze preferite, nel territorio del Gallo Nero.

Articolo precedenteVino, all’enologo Alessandro Campatelli il 9° Premio Gambelli di Aset e Igp
Articolo successivoVino: Gianluca Piernera e il trebbiano spoletino, una sfida vinta
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi