Castiglioncello, la svolta “pop” di Foodies Festival 2019 (25-28 aprile)

foodies festival 2019

Per il Foodies Festival è l’anno del “pop”: dal 25 al 28 aprile in scena al Castello Pasquini di Castiglioncello (Li) la rassegna dedicata a cucina popolare e tradizione, tra street food, cooking show e un ricordo di Luciano Zazzeri

foodies festival 2019

Torna dal 25 al 28 aprile a Castiglioncello l’appuntamento con il Foodies Festival 2019, rassegna gastronomica che spegne sei candeline con una ventata di novità all’insegna, a partire dalla svolta “pop” che si evidenzia – almeno nelle proposte gastronomiche – in una ricerca concreta dei valori cardine della cucina popolare, ossia cultura e trazione. Il Foodies festival 2019 si svolgerà tutta intorno al Castello Pasquini dove, in collaborazione con Streetfood Italia, saranno presenti oltre 70 banchi composti da food truck e stand che proporranno agli avventori la consueta alternanza tra produttori e ristoratori, mix ideale per chi cerca lo sfizioso street food da assaggiare o la prelibatezza da portare a casa.

foodies festival 2019

Per un maggiore contatto con il pubblico gli chef si esibiranno sia all’interno di un apposito stand (dove i cooking show contribuiranno a una raccolta fondi per le associazioni del territorio), sia sul palco dell’anfiteatro del Castello Pasquini dove nella quattro giorni della manifestazione si affronteranno temi sensibili e popolari come quelli legati alla produzione del formaggio, oppure al campanilismo culinario tra Livorno e Pisa. La manifestazione si concluderà con un tributo al grande chef Luciano Zazzeri: gli chef amici cucineranno sul palco dell’anfiteatro alcuni piatti simbolo in un incontro che celebrerà la cucina semplice e genuina tra chiacchiere e piacevoli ricordi.

Tra i protagonisti, in ordine sparso, la “la pastora moderna” Angela Saba che nella sua azienda di Massa Marittima (Grosseto), in collaborazione con l’ Università di Pisa, ha realizzato il primo Pecorino a ridotto contenuto di colesterolo. Oppure la chef Elisa Masoni de “La Quercia di Castelletti” che presenta la cecina con mousse di baccalà, gocce d’aglio fermentato e alga fritta. O Gianluca Somigli (Cooking in Florence) che presenta la “Cannettiera (rivisitazione della carrettiera a base di canapa).

foodies festival 2019

Sabato alle 17,30, poi, spazio a “Livorno vs Pisa – I campanili nella tavola delle ricette dei libri di Paolo Ciolli” con l’autore che incontra lo chef Pietro Vattiata del ristorante ‘Diavoli’ di Pisa, moderati da Giorgio Dracopulos con Mario Cardinali, direttore del “Vernacoliere”.

foodies festival 2019

Domenica invece cucina Giacomo Piazzesi, chef del ristorante Olivia (Firenze) con il suo fritto all’extravergine, e l’evento speciale in memoria di Luciano Zazzeri: “Se il Foodies Festival giunge alla sesta edizione – spiegano gli organizzatori – un particolare tributo va allo chef livornese che fu il primo a credere nel progetto e darci lo stimolo per lo sviluppo della manifestazione”. Alle 17,30 sul palco dell’anfiteatro del Castello Pasquini si esibiranno quegli chef e amici (Mirko Rossi, Wilma Mattioli, Isabella Lazzerini Denchi, Cancio, Omar Barsacchi, Marco Parillo e Marco Stabile) con cui Zazzeri, aveva fondata l’associazione “Insieme Per”, e con cui era solito passare piacevoli serate all’insegna della beneficenza e del buon cibo.

Marco Gemelli

Marco Gemelli

Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.ilforchettiere.it, embrione del Forchettiere. Gestisce infine un Bed & Breakfast a Firenze (www.damilaflorence.com).

Be first to comment

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.