La giovane veneta Eleonora Andriolo è tra gli chef emergenti del nord Italia: al suo “Acchiappagusto” ad Arcugnano (Vicenza) esprime una cucina raffinata

Veneta e giovanissima – ha appena 29 anni – Eleonora Andriolo inizia a lavorare nella ristorazione a 23 anni, prima in sala ma, affascinata dalla materia prima, non ci mette molto ad arrivare in cucina, dove, sotto l’attenta guida di papà Flavio, esprime il meglio di sé, diventando in pochissimo tempo una delle più giovani chef emergenti del Nord Italia. Dirige la cucina del suo ristorante ad Arcugnano (VI) L’Acchiappagusto – L’emozione dei sapori dal 2014, coadiuvata dal padre, da Marta e Sofia, sua sorella, con la quale, nel 2018, ha aperto anche un bistrot a Grumolo (VI), L’Alchimista del gusto.

Ad accorgersi di lei, oltre a guide e riviste specializzate, anche emtittenti TV che la invitano spesso ad eventi ed a contests gastronomici di rilievo. Riceve importanti riconoscimenti anche dall’Accademia della Cucina Italiana per il suo uso in cucina di erbe spontanee. Ambasciatrice del Gusto dall’Ottobre 2019, L’Acchiappagusto entra nella Guida dell’Espresso “I Ristoranti ed i Vini d’Italia, nella guida “Venezia a tavola” e “Le guide ai sapori e ai piaceri” di Repubblica.

Eleonora oltre alla cucina, ama viaggiare ed il viaggio è un elemento fondamentale per chi fa il suo lavoro e per chi, come lei, è sempre alla scoperta di nuovi profumi, di nuovi gusti ed emozioni da riportare nella propria cucina. E’proprio da un suo viaggio che nasce un suo piatto firma “La mia Marrakesh” un risotto alla barbabietola, con olio d’argan, tartufo nero dei colli e crema di asiago. Un piatto ben bilanciato, tanto particolare quanto buono, che adesso non riesce più a togliere dal menù.

Il palato fine lo ha ereditato da nonna Elvi, che ancora oggi assaggia i suoi piatti prima che Eleonora decida d’inserirli in carta. Nei periodi di chiusura del suo ristorante non si ferma ma partecipa a corsi per affinare le sue tecniche, stage presso ristoranti stellati e masterclass di alta pasticceria con la chef pluripremiata Cècile Farkas Moritel.

Eleonora cucina ogni prodotto che propone nel suo ristorante a partire da pane e grissini, antipasti, primi e secondi ma confessa il suo amore infinito per i dolci… E pensare che i suoi spaghetti scampi ed agrumi è un vero atto d’amore verso chi lo mangia.

Il ristorante si trova ad Arcugnano, sui colli Berici, ed ha un dehors con una magnifica vista su Vicenza. Il locale conta di 30 coperti all’interno che nella bella stagione si vanno a sommare con i 30 esterni (pre Covid). Arredamento e mise en place classico che rispecchia e rispetta la location nella quale si trova. Servizio puntuale e cortese e carta dei vini completa con ricarchi molto onesti. Il menù, prettamente di pesce, si basa molto sul pescato del giorno: qualità e freschezza la fanno da padrone.

Rispondi