La proposta lanciata da Paolo Gori (Burde) raccoglie adesioni da Firenze e altre città: ecco l’elenco provvisorio dei ristoranti e pizzerie dove trovare il baccalà “solidale” per raccogliere fondi a favore della ricostruzione post-allagamento di Venezia

Come per Amatrice, gli chef fiorentini e toscani non fanno mancare il loro appoggio a una città in difficoltà. Adesso tocca a Venezia, alle prese con un allagamento senza precedenti che ha messo la Serenissima in ginocchio. A lanciare l’iniziativa è stato Paolo Gori, chef di Da Burde e già tra i più attivi nel dare vita all’Amatriciana Day quattro anni fa (poi evoluta nella Italian Chef Charity Night annuale).

L’appello di Paolo non ha trovato indifferenti gli chef, inclusi i ristoranti del colosso Eataly a livello europeo, ed ecco l’elenco (in costante aggiornamento) di ristoranti, trattorie e pizzerie dove è possibile assaggiare un piatto di/con baccalà, con il ricavato che verrà destinato alla ricostruzione post-allagamento. Il momento conclusivo della campagna si terrà dal 6 all’8 dicembre alla Fortezza da Basso in seno alla manifestazione Enogastronomica 2019.

Firenze:

– Da Burde (via Pistoiese)
– Olivia (piazza Pitti)
– Il Vecchio e il Mare (via Gioberti)*
* oltre alla pizza per Venezia, uno speciale antipasto raccoglierà fondi per Matera  
– Eataly Firenze (via Martelli)
– Chalet Fontana (viale Galileo)
– Pizzaman (via Edmondo De Amicis)
– Bottega di Parigi (via di Terzollina 3/r)
– La Vetreria (via del Proconsolo)
– Ventuno Bistrot (via de’ Vespucci 21)

Badia a Passignano:

– Osteria di Passignano

Bagno a Ripoli:

– Al 588 (via Roma 588)

Calenzano:

– L’Oste

Lastra a Signa:

– Tripperia Il Gatto & la Volpe

Pistoia:

– Pizzeria La Fenice

Pontassieve:

– Toscani da Sempre

Sesto Fiorentino:

– Blend (via Gramsci)

Signa:

– La Quercia di Castelletti

Stanno aderendo anche ristoranti di Roma, coordinati da MangiaRoma: si tratta di “Sacro e Profano (via Siria) e Ristorante Strega (piazza del Viminale).

Chi volesse partecipare all’iniziativa può comunicarlo a Paolo Gori (paologoriburde@gmail.com) o al direttore del Forchettiere (marco@ilforchettiere.it), o ancora al giornalista Leonardo Romanelli (leonardoromanelli@tiscali.it). Una volta raccolti i fondi, gli chef potranno convogliarli sul conto corrente della Italian Chef Charity Night (Iban IT51H 01005 02970 0000 0000 1697) indicando “Venezia” come causale.

Previous articleAcqua alta, gli chef toscani si mobilitano per Venezia: baccalà “solidale” nei ristoranti
Next articleAtelier de’ Nerli, in San Frediano la nuova cucina aromatica griffata Cavalli
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.