Dal cuore della Toscana alla CNN: le Cantine Antinori nel Chianti Classico sono state scelte dal network televisivo internazionale tra le cinque esperienze di viaggio più esclusive e straordinarie al mondo. A guidare il pubblico Usa al vino toscano, il “nostro” Filippo Bartolotta

filippo bartolotta
Come spesso accade, un connubio di successo richiede reciproca compenetrazione, più che mera conoscenza. Ci voleva un profondo conoscitore del mondo toscano e di quello americano, per raccontare agli yankee il vino del Chianti Classico. Ecco allora Filippo Bartolotta salire in elicottero e guidare una troupe della CNN alla scoperta della tenuta chiantigiana dei Marchesi Antinori, protagonisti di una puntata di “Elite Escapes” a inizio settembre.
L’emittente televisiva statunitense ha selezionato le cinque più esclusive, lussuose e straordinarie esperienze di viaggio al mondo, ad ognuna delle quali dedica una puntata di “Elite Escapes”, il programma visto da 250 milioni di persone in 200 Paesi. Le cinque experiences that money can’t buy, da non perdere nella vita, sono:
·       Indonesia: l’unico resort sull’isola di Sumba
·       Canada: un corso di golf alle Canadian Rockies
·       Giappone: una cena al ristorante dello chef Takazawa a Tokyo
·       Oman: un viaggio alla Zighy Bay
·       Italia: un viaggio alla scoperta dei vigneti della famiglia Antinori, con un’esclusiva verticale di Tignanello nella cantina Antinori nel Chianti Classico
 vigneti chianti classico Antinori
La punt ata speciale dedicata alla Toscana e al Tignanello di Antinori è stata ambientata nella cantina Antinori nel Chianti Classico di San Casciano
Val di Pesa, ed è stata condotta da Hala Gorani. Una bella soddisfazione per Filippo – giornalista italiano ma di formazione londinese – ma anche per Vanessa Held con cui divide “Le Baccanti Tours“, agenzia di viaggi ed eventi specializzati nel food & wine, e il suo ultimo spin-off “MaMa Florence”.
tignanello
La troupe della CNN è stata guidata nel mondo Antinori, percorrendo un viaggio nel cuore della tradizione e nella storia di una passione per il vino che ha attraversato 26 generazioni. Per loccasione, il marchese Piero Antinori ha accolto nella cantina Antinori nel Chianti Classico Filippo Bartolotta, e guidato in via eccezionale una verticale di cinque annate di Tignanello (1978-1982-1997-2007-2011). Non a caso è stato scelto il Tignanello, il primo dei Supertuscan, il vino innovativo frutto di una serie di scelte audaci e rivoluzionarie che l’ha portato ad essere l’artefice del Rinascimento del vino italiano e che proprio questanno celebra il suo 40° anniversario. 
Articolo precedenteGelato italiano Dop? La strada è in salita (per ora…)
Articolo successivoProvati per voi: ” La Cocotte ” in via Nazionale (Firenze)
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi