Complice il distanziamento, il ristorante Vitique di Greve in Chianti ha lanciato due proposte: un table chef in remoto e un social dinner in cui cucinare (e mangiare) gli stessi piatti in videoconferenza. Ecco com’è

Potrebbe essere definita l’evoluzione del social dinner, in questi tempi di distanziamento sociale forzato: esperienze come cenare insieme a sconosciuti condividendo le stesse portate, o cenare avendo al tavolo lo chef pronto a rispondere a ogni curiosità (gastronomica, almeno) sembravano destinate ad essere congelate in attesa di tempi migliori, ma qualcuno ha trovato il modo di rendere possibile – e piacevole – questo tipo di situazione.

Se ristoranti stellati hanno ideato il delivery accompagnato dal video tutorial dello chef (come nel caso dello chef Juan Quintero a Borgo San Felice e del suo “Be with us gourmet kit”), più articolata è la proposta di Vitique, ristorante di Greve in Chianti, il cui staff ha ideato un paio di proposte, che partono entrambe dall’idea di consegna al domicilio dei commensali: da un lato il table chef “virtuale”, in cui lo chef Antonio Guerra aiuta i partecipanti – ognuno dei quali è nella cucina di casa propria – a preparare i piatti di un menù completo, dall’antipasto al dolce; dall’altro il social dinner in cui un gruppo di amici o colleghi può assaggiare gli stessi piatti discutendone davanti allo schermo del pc o del telefono.

Nel caso specifico, l’esperienza che abbiamo vissuto – in compagnia dei colleghi Elisabetta Failla, Emanuele Gobbi, Raffaella Galamini e Roberta Perna – è stata a cavallo tra le due proposte. Prima sono arrivati a casa di ognuno gli ingredienti (sia crudi sia semilavorati, come un gazpacho realmente memorabile), poi all’ora concordata breve “tutorial” di chef Antonio su come utilizzare al meglio le materie prime e il vino in abbinamento, un Chianti Classico Lamole di Lamole 2016 che si è rivelato in grado di reggere l’intero menù.

Passo dopo passo, ognuno a casa sua, i commensali hanno potuto replicare uno dei grandi classici di Antonio Guerra come le seppie e spugnole, così come – per secondo – il cervo scottato, asparagi, mela cotogna e camomilla. Certo, la mancanza del “fattore G” (dove G sta per Guerra, la cui abilità manuale marca il confine tra ciò che possiamo fare noi comuni mortali e uno chef professionista, a parità di ingredienti) si nota, ma piatti come le capesante con gazpacho di datterino ed erba cipollina ci sono andati piuttosto vicino.

Articolo precedenteCovid19, pranzare al ristorante ai tempi della Fase 2: ecco com’è andata
Articolo successivoAddio a Eliseo Guidetti (1928-2020), storico decano degli chef fiorentini
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.