“Childhay Manor Farming è un’azienda agricola biologica situata a Blackdown, nel West Dorset, Inghilterra. Nel tranquillo e sereno scenario di campagne e pascoli, questa fattoria a conduzione famigliare, gestisce allevamenti da latte e da carne di diverse specie, con lo scopo di fornire alla comunità locale e per tutto il sud dell’Inghilterra, la più alta qualità possibile. Le mucche in particolare vivono all’aperto e si alimentano esclusivamente di erba fresca, offrendo latte e carne che si distinguono per l’eccellenza di aromi e sapori.
L’avventura della Childhay Manor come micro distillatori comincia proprio dalla produzione di latte intero di altissima qualità.
Il latte viene infatti separato tra cagliata e siero, quindi il siero del latte viene fermentato e trasformato in una sorta di birra, convertendo gli zuccheri del latte in alcol. A questo punto si procede alla distillazione tripla ed alla filtrazione, prima dell’imbottigliamento rigorosamente manuale. Da notare che nulla va sprecato perchè la cagliata sarà utilizzata per produrre il Deluxe Cheddar Black Cow, formaggio tipicamente inglese, perfetto da consumare insieme alla Vodka.”

Vodka Pure Milk “Black Cow” – Childhay Manor (0.7l): Perché ci piace

Black Cow è una Vodka Pure Milk, ovvero prodotta da puro latte della fattoria Childhay Manor in West Dorset, Inghilterra. Si tratta di un distillato artigianale e davvero particolare, nato dall’amore per la vodka dell’allevatore Jason Barber. Black Cow è una Vodka originale, da miscelare in particolare a liquori e creme al caffè o al cioccolato. Noi lo consigliamo in abbinamento al Deluxe Cheddar Black Cow.

Note di degustazione

Aspetto trasparente e cristallino. Al naso esprime gradevoli accenni di vaniglia e cioccolato bianco, arricchiti da lievi note di pepe bianco in grani. Sorso cremoso e leggermente dolce, con un pizzico di cannella, cioccolato bianco e pepe. Chiude su finiture pulite di pepe nero e inaspettati sbuffi minerali.

Realizzata interamente con il latte di mucca e nient’altro.
ll latte intero fresco offre l’opportunità di creare una vodka eccezionalmente liscia con
un carattere cremoso unico.
Il latte viene separato in cagliata e siero, quest’ultimo viene fatto fermentare.
Viene poi distillato e miscelato con ingredienti segreti per dare origine alla vodka Black Cow.

Articolo precedentePasticceria, due talenti toscani: Sara Mazzoli (Versilia) e Lorenzo Dani (Prato)
Articolo successivoLa degustazione: quattro etichette per scoprire i vini della Valle della Loira
Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…

Rispondi