Tra le novità della Florence Cocktail Week 2019 c’è l’album delle figurine dei barman, con i volti dei protagonisti della mixology fiorentina. È l’ultima trovata del vulcanico barman Julian Biondi. Ecco come funziona

“Che cos’è il genio? È fantasia, intuizione, decisione e velocità d’esecuzione”. Questa citazione del Perozzi in Amici Miei è quanto mai calzante per descrivere Julian Biondi, bartender di prima fascia della scena fiorentina oltre che tra i volti conosciuti nel panorama italiano. Essere poliedrico è infatti parte della sua natura, come dimostrano le numerose iniziative extra bancone che lo vedono coinvolto, da quella di brand ambassador passando dal ruolo di giornalista rivestito per BarGiornale, fino ad arrivare all’essere un fenomeno social con i suoi domenicali “Momenti Culturali”.

In occasione della FCW19, Julian ha voluto realizzare un suo vecchio sogno, un’intuizione avuta fin dalla prima edizione della manifestazione ricca di fantasia ed intuizione, ed arrivata finalmente a compimento. Si tratta del primo – probabilmente nella storia dell’uomo – album delle figurine dei Barman 2019/2020, comprendente locali e barman della prossima Florence Cocktail Week. Disponibile a partire dal 6 Maggio nei locali aderenti alla cifra di 5 euro, dovrà poi essere riempito con le figurine collezionabili girando di bar in bar e chiederle a ciascun barman.

album delle figurine dei barman

Come sarà composto l’album dunque? Le figurine sono in totale 51, così suddivise:

  • 38 per i bar e locali della cocktail week
  • 12 sono i “panchinari (personaggi che per la loro professionalità, dedizione ed inclinazione hanno contribuito a rendere Firenze un posto migliore in cui bere )
  • 1 è “il Jolly”, che è Simone Cipriani, una figurina utilizzabile a proprio piacimento per coprire una mancanza.

album delle figurine dei barman

Per avere la figurina di un panchinaro o del jolly dell’album delle figurine dei barman occorre chiedergliela personalmente, lui deciderà se dartela “gratuitamente” o facendosi offrire qualcosa da bere. Per avere le figurine dei barman occorre andare nel locale e consumare un drink. E chi non riuscisse a girare tutti i locali per tempo? Non vi preoccupate, il buon vecchio “celo, celo, manca!” non passa mai di moda!

Previous articleProvati per voi: l’autentica cucina piemontese di chef Claudio Vicina (Casa Vicina, Torino)
Next articleArrivederci FAC: il 30 giugno finisce la liaison tra Eataly Firenze e Simone Cipriani
Federico Bellanca
Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…