Primo sakè bar italiano, nato dai proprietari del vicino ristorante Momoyama a Firenze, Kawaii è la reinterpretazione italiana di un “Izakaya”, il tipico sakè bar giapponese

Primo sakè bar a livello italiano, nasce dai proprietari del ristorante Momoyama, rispetto al quale è ubicato nella porta accanto, in Borgo San Frediano. Kawaii è la reinterpretazione italiana di un “Izakaya”, il tipico sakè bar giapponese dove si consumano cibi e bevande in compagnia o da soli, all’ora di pranzo o dopo lavoro.

Il locale si sviluppa come un’idea ibrida, che prende le caratteristiche salienti di un sakè bar e le fonde con alcuni degli usi e costumi della gastronomia italiana. Sin dalla sua inaugurazione, alla fine del 2016, nelle ambizioni dei titolari il Kawaii è stato il luogo dove è possibile consumare sakè a bicchiere o a bottiglia, con particolare attenzione alle caratteristiche della bevanda – dalla temperatura alla composizione, fino agli abbinamenti con i piatti – e con un’attenzione alla descrizione del distillato.

Non a caso, il bar ha più di quaranta tipologie di sakè, ognuno pronto a essere degustato in abbinamento o da solo, appartenenti alle categorie Junmai, Junmai Ginjo, Junmai Daiginjo, Daiginjo, Futsushu e Honjozo. Oltre a caratterizzarsi come un sakè bar, però, Kawaii è anche un cocktail bar basato prevalentemente sulla cultura giapponese, con numerosi drink ispirati al Giappone: dietro il bancone si trovano dieci varietà di birre, Shochu, Gin, Rum e quasi trenta tra i pregiati whisky giapponesi, il che rende Kawaii il locale di gran lunga più fornito nel territorio fiorentino.

Tra i cocktail, speciali menzioni vanno al “Wa-Sour”, un sour appunto a base di vodka o saké e aromatizzato con la radice di wasabi, ad uno speciale Negroni a base di saké e con un vermouth fiorentino, nonché diversi altri come il “Tokyo Mule” o il “Margarita Yuzu”.

Nel corso del 2019 è stato il primo locale di Firenze a disporre di una selezione di poke, piatto simbolo delle isole Hawaii: una bowl di riso accompagnata da pesce crudo (e non) marinato con salse che stanno in bilico tra il Giappone e l’arcipelago hawaiano. Ma in menù non mancano “Bao Bun” con pancia di maiale, tostada con carpaccio di salmone, ma anche classici giapponesi come zuppa di miso o gyoza.

Kawaii

Borgo San Frediano 8/R, Firenze
Aperto dalle ore 18,30 alle 01
Tel. 055/281400
www.kawaiifirenze.it
kawaiifirenze@yahoo.com

Articolo precedenteChef Filippo Baroni e Mater, il ristorante bijou nel Casentino più verde
Articolo successivoFirenze: Latini in vendita? Macché, la fiaschetteria si è anche comprata le mura…
Federico S. Bellanca
Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…

Rispondi