Bollicine Rosè, non solo il Nord Italia le usa per raccontare l’Estate che verrà. Abbiamo assaggiato e vi raccontiamo due cantine sotto Roma che creano ottimi vini da provare durante le vostre cene all’aperto

Il boom del prosecco degli ultimi anni (a livello italiano ed internazionale) pare aver avuto sui consumatori un doppio effetto: se da un lato ha creato la percezione che si possano bere ottime bollicine italiane quotidianamente, dall’altro ha appiattito la domanda verso una zona geografica che ovviamente per definizione tende ad esprimere una sola anima.

Visto che l’estate è alle porte, può essere interessante scoprire qualche alterativa da proporre durante le cene all’aperto per l’aperitivo, oppure perchè no, anche da utilizzare per la creazione di qualche cocktail dalla forte impronta territoriale, come un twist sul French75 oppure più semplicemente sul Bellini o lo Spritz.

Visto che nell’ultimo anno inoltre si è parlato molto di bollicine rosè, abbiamo pensato di proporvi tre bollicine rosate provenienti da sotto Roma assolutamente da scoprire per l’estate 2021:

Mala Femmena e Bella Femmena di Cantine Telaro

L’azienda Telaro, nata nel 1987, si estende per circa 100 ettari nel territorio di Galluccio, Conca della Campania e Rocca D’Evandro, alle pendici del vulcano di Roccamonfina, rientrante in parte nel Parco regionale di Roccamonfina e Foce del Garigliano, territorio anticamente chiamato “ Terra di Lavoro ”.

Una cantina che promuove fortemente un’agricoltura sostenibile, la ricerca e lo sviluppo degli antichi vitigni, mettendo sempre in risalto il territorio di provenienza.

Le Cantine Telaro si sviluppano su una superficie coperta di circa 2.000 mq attrezzata di un’area per lo scarico e prima lavorazione delle uve vendemmiate, di sale per lo stoccaggio, lavorazione e imbottigliamento dei vini , fornite di apparecchiature innovative, un’area per l’appassimento delle uve e al piano interrato la bottaia, per l’invecchiamento e l’affinamento del vino.

Adiacente alle cantine vi è la distilleria per la produzione della grappa. L’unione di tutto questo, la passione e l’esperienza dell’enologo di famiglia Pasquale, ha permesso di sviluppare prodotti di alta qualità, posizionando il marchio Telaro ai vertici tra i produttori di vini e distillati in Campania.

Il vino viene commercializzato non solo sul territorio nazionale, ma anche all’estero, in particolare in Canada, Stati Uniti, Giappone, Francia, Germania, Austria, Svizzera, Belgio, Lussemburgo e Gran Bretagna.

Quest’azienda si è fatta notare per la creazione di due bollicine rosate dal nome accattivante oltre che dalla buona fattura:

Mala Femmena

 

Il Brut Rosé Malafemmena è una gradevolissima versione di Aglianico, vinificato in rosa e spumantizzato con metoto Charmat. Un’etichetta dal packaging particolare, ispirato alla femminilità e all’evidente richiamo alla tradizione Napoletana.

La famiglia Pepe è un’antica famiglia irpina, che da generazioni s’impegna con dedizione nella produzione dei propri vini, commercializzati in tutta Italia e all’estero.

Seguendo il proprio intuito e spinto dall’amore per la sua terra, l’imprenditore Angelo Pepe ha lavorato duramente per disegnare il futuro della sua famiglia, creando la Tenuta Cavalier Pepe, un complesso costituito da: Cantina, Azienda vitivinicola, Ristorante e bed-and-breakfast, che rappresenta un sistema produttivo e turistico di straordinaria qualità.

Tenuta Cavalier Pepe

Sant'Angelo all'Esca, Zona Taurasi, Avellino

La famiglia Pepe è un’antica famiglia irpina, che da generazioni s’impegna con dedizione nella produzione dei propri vini, commercializzati in tutta Italia e all’estero.

Seguendo il proprio intuito e spinto dall’amore per la sua terra, l’imprenditore Angelo Pepe ha lavorato duramente per disegnare il futuro della sua famiglia, creando la Tenuta Cavalier Pepe, un complesso costituito da: Cantina, Azienda vitivinicola, Ristorante e bed-and-breakfast, che rappresenta un sistema produttivo e turistico di straordinaria qualità.

Il valore e la lungimiranza di Angelo Pepe sono stati apprezzati, dall’allora Presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro, che nel 1998 lo nominò: “Cavaliere della Repubblica” per i suoi meriti lavorativi.
Oggi, la Tenuta grazie anche al lavoro di Milena, la figlia maggiore del Cavaliere – laureata in viticoltura ed enologia in Francia e in marketing in Belgio – è gestita con carisma e competenza e può vantare una produzione di vini di altissima qualità.

Oro Rosè

Oro Rosè è il Vino Spumante di qualità Rosato Brutproposto dalla cantina.Il Metodo di Spumantizzazione è ovviamente Charmat, ed è creato partendo da Vitigni Autoctoni a bacca rossa provenienti dal Comune di Luogosano.
Le uve raccolte a giusta maturazione sono pressate intere ed in maniera soffice. Il mosto viene illimpidito a freddo e fermenta a bassa temperatura. Segue una “spumantizzazione” in autoclave per un periodo di almeno 2 mesi.

 

Articolo precedenteSe tradizionale non fa rima con banale: la cucina dell’Osteria di Torre a Cona
Articolo successivoVino e musica, il binomio della Tenuta del Buonamico per i 10 anni degli spumanti
Federico S. Bellanca
Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…

Rispondi