È uscito in libreria il volume “Finché c’è trippa….” dello chef Diego Rossi e la giornalista Barbara Giglioli: un libro che suona come un inno alle frattaglie, una… passione viscerale

finché c'è trippa

Un libro che nasce da una passione viscerale, quella per il quinto quarto. Un inno alle frattaglie, al cibo buono, sano, pulito e poco costoso che si ottiene da quelle parti dell’animale che molti vedono solo come scarto. Finché c’è trippa… (ed. Guido Tommasi) del cuoco Diego Rossi e della giornalista Barbara Giglioli è tutto questo. Arriva con l’ambizione di riportare al centro della scena gastronomica ciò che spesso viene messo da parte e snobbato per privilegiare le parti più nobili degli animali.

finché c'è trippa

È un libro che si rivolge a tutti. A chi ama la cultura e la storia della cucina italiana, quella che si fonda sulle leccornie che le nonne annotavano a penna sui taccuini del secolo scorso. A chi non vuole solo leggere ricette, ma cerca anche consigli su dove recuperare le frattaglie, come trattarle e saperle scegliere. A chi vuole viaggiare seguendo la via del gusto, a spasso per l’Italia tra fattorie e allevamenti dei piccoli produttori.

“I piatti con la trippa – affermano gli autori – sono legati ai ricordi d’infanzia, sono le ricette che ci preparavano i nostri nonni quando eravamo piccoli. È proprio questo ricordo che ci ha accumunati da subito e ci ha spinto a realizzare questo progetto, che include anche molti piatti della tradizione italiana”. Sfogliandone le pagine si trovano non solo ricette, ma anche indicazioni, curiosità e consigli dello chef, il tutto impreziosito dalle foto di Marco Varoli, dai disegni di Gianluca Biscalchin e da una speciale playlist realizzata dal cantautore Tommaso Paradiso. Ogni preparazione è corredata dalla canzone da ascoltare ai fornelli, perché il piatto venga alla perfezione.

Il volume non è diviso per tipologia di frattaglie, ma per animali. Ogni capitolo è infatti dedicato a una “bestia”: si va dagli animali da cortile, fino ad arrivare ai bovini e persino ai pesci. Un approfondimento è dedicato agli archetipi, ossia quelle ricette senza tempo, della nostra infanzia, come la trippa, la finanziera o il cibreo. Non manca poi una speciale sezione sulle frattaglie erotiche.

finché c'è trippa

FINCHÉ C’È TRIPPA…
Diego Rossi e Barbara Giglioli
Fotografie: Marco Varoli
Illustrazioni: Gianluca Biscalchin
Selezione Musicale: Tommaso Paradiso
Guido Tommasi Editore
30 euro
cartonato 19 x 24 cm
224 pagine
illustrazioni a colori

Previous articleFirenze, ecco il panino al lampredotto da Guinness dei primati: 70 kg per 1,2 metri
Next articleGuida ristoranti Gambero Rosso 2020: tutti i premiati della Toscana
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.