Finalmente si parte! Dopo aver annunciato l’evento Mondiali a Tavola e spiegato le regole e i raggruppamenti per girone, è arrivato il momento di mettere a confronto i piatti delle quattro squadre del Gruppo F (Argentina, Bosnia, Nigeria e Iran). Presentiamo ed esaminiamo i diversi piatti tipici:


ARGENTINA – Asado

 Asado

Molto simile alla parillada uruguayana, l’Asado è una grigliata di carne di manzo, con tagli misti cotti lentamente alla brace. Per la preparazione può essere adoperato il “taglio reale” da brodo, che una volta cotto alla griglia risulta molto saporito. Tipici dell’asado sono inoltre le interiora (entrañas o achuras), le salsicce e le salsicce di sangue. L’Asado viene spesso condito con il chimichurri, miscela di spezie fresche (olio, aceto e limone) che si applica a fine cottura.

 

BOSNIA – Cevapcici

Cevapcici

Sono polpette di carne speziate tipiche della cucina balcanicaSi presentano cilindriche, del diametro di un paio di centimetri e della lunghezza di 7/8 centimetri. I cevapcici sono solitamente composti di carne di manzo e agnello, condita di sale. Vengono serviti cotti al barbecue, sulla griglia o alla piastra. Solitamente si gustano con cipolla (tagliata a dadini o anelli) ed “ajvar”, una salsa piccante di peperoni rossi macinati e spezie. Una variante li vede infarinati e rosolati in padella.

NIGERIA – Riso Jollof

Roso Jollof

Il riso jollof è un piatto tradizionale della cucina nigeriana, ed è realizzato con riso – ovviamente – e pollo piccante. Si tratta di un ricco piatto unico, con tante verdure oltre al riso e al pollo, e piccante, ma potete decidere quanto piccante, regolando la dose di peperoncino che userete, e reso di un bel colore rosso dal pomodoro.

IRAN – Koresh

koresh

Si tratta di carne cucinata con frutta fresca o secca. La preparazione koresh è tipica fra la popolazione iraniana e varia molto negli ingredienti: praticamente ogni famiglia prepara la sua. Può essere verde, se a base di verdure, o rossa, se a base pomodoro, e in entrambi i casi ricca di spezie, pepe e frutta secca. La salsa serve ad avvolgere la carne di pollo per darle un sapore caratteristico molto intenso.

Chi merita di passare il turno dei Mondiali a Tavola, secondo voi? Votate!

[yop_poll id=”7″]
Articolo precedenteCibo, vino & fashion: le novità gastro-modaiole a Pitti Uomo
Articolo successivoMondiali a Tavola – gruppo G : chi uscirà indenne dal girone di ferro?
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi