Finalmente si parte! Dopo aver annunciato l’evento Mondiali a Tavola e spiegato le regole e i raggruppamenti per girone, è arrivato il momento di mettere a confronto i piatti delle quattro squadre del Gruppo H (Belgio, Russia, Algeria e Corea del Sud). Presentiamo ed esaminiamo i diversi piatti tipici:

BELGIO – Waterzooi

waterzooi

Originario della città di Gand, è uno stufato a base di pesce. Il waterzooi è una zuppa generalmente a base di pesce (viszooitje) sebbene possa essere realizzato anche con il pollo (kippenwaterzooi). Altri ingredienti includono verdure (carote, porri, patate), uova, burro e spezie. Il waterzooi di pesce può essere realizzato sia con pesci di mare che di fiume (anguilla, spigola, merluzzo e carpa). Il piatto è normalmente servito come una zuppa, accompagnato da pane per fare la scarpetta.

RUSSIA – Borsh

borsh

E’ una zuppa di barbabietola, classica della tradizione gastronomica russa, e si gusta come piatto unico: essendo una pietanza contadina, ha decine di varianti a seconda della zona. Gli ingredienti comuni sono però la barbabietola, il cavolo cappuccio e le patate. Alcuni lo preparano nella variante con la carne (lessa) ma la versione vegetariana è di gran lunga la più diffusa.

ALGERIA – Couscous

Cous-Cous

Piuttosto comune in tutto il Mediterraneo e anche in Sicilia, si tratta di un piatto unico formato da granelli di semola al vapore con verdureSolitamente il Couscous accompagna carni in umido e/o verdure bollite, ma anche pesce in umido. Può essere reso piccante accompagnandolo con la harissa o spezie..

COREA DEL SUD – Kimchi

kimchi

Si tratta di verdure fermentate con spezie. La composizione del kimchi è divisa in due parti: la prima costituita dalla verdura, la seconda dalle spezie. Per quanto riguarda la verdura, la più utilizzata è il cavolo cinese, ma – a seconda delle stagioni – si possono avere moltissime altre varianti. Per quanto riguarda le spezie, la più diffusa è il peperoncino, ma si possono aggiungere cipolle, zenzero, pesce salato, frutta e pesce fresco.

 

Chi merita di passare il turno, secondo voi? Votate!

[yop_poll id=”9″]
Articolo precedenteMondiali a Tavola – gruppo G : chi uscirà indenne dal girone di ferro?
Articolo successivoArtimino, serata di Bollicine nella villa medicea
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi