Da oggi debutta in piazza Pitti il pic-nic plastic free, grazie a un’intuizione del ristorante Olivia: la cucina incentrata sull’olio extra vergine durante i giovedì d’estate si potrà gustare direttamente sul selciato della piazza con le ceste ecosostenibili

Avete presente le polemiche che ogni estate arricchiscono le pagine di cronaca dei giornali, sui bivacchi e sui turisti che mangiano sulle gradinate delle chiese o di altri monumenti? Beh, per l’arrivo dell’estate il ristorante Olivia ha ideato una sorta di anti-bivacco rigorosamente plastic free: tutti i giovedì la cucina dello chef Giacomo Piazzesi si può gustare all’aperto, sul selciato di piazza Pitti.

Dalle 19 alle 22 al ristorante Olivia sarà possibile comporre una personale cesta di vimini con alcune proposte gastronomiche all’olio evo e particolari cocktail a tema. Tutto il packaging è compostabile o riutilizzabile, l’acqua è servita nelle immancabili borracce personalizzate e acquistabili a parte. L’offerta food spazia dal fritto in olio evo di Olivia, le focaccine all’olio evo farcite o un piatto freddo da condire con la bottiglia del Frantoio di Santa Tea da 20 ml.

In particolare, è previsto un menù da 15 euro che prevede:

  • Una bevanda a scelta fra lo Spritz Olivia o una birra o bicchiere di vino bianco o rosso
  • Un piatto a scelta tra:
    Insalata Olivia
    Fritto (Coccoli & Prosciutto crudo dell’Antica Macelleria Falorni o Misto di verdurine in pastella & trippa)
    Focaccine (Piselli & Formaggio spalmabile o Caprese)

Una cauzione da 30 euro è richiesta per la cesta che dev’essere restituita alla riconsegna della cesta con all’interno il packaging utilizzato per l’aperitivo. Quindi, niente rifiuti sparsi per la piazza. Il ristorante Olivia è lo spin off del Frantoio Santa Tea della famiglia Gonnelli, che si occupa di olio extra vergine d’oliva e della sua trasformazione dal 1585. Dietro Olivia ci sono anche 43mila olivi tutti biologici e situati nell’area fiorentina e senese.

Articolo precedenteE se la bistecca alla fiorentina sdoganasse l’affinamento, come per vino o formaggi?
Articolo successivoRistorazione, dal 7 luglio lo chef Gabriele Andreoni lascia Gurdulù
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.