In vista della Tuscany Cocktail Week 2020, raccontiamo i migliori locali delle diverse province. Partiamo dal capoluogo e dai suoi luoghi più rappresentativi del bere miscelato

Nonostante le incertezze che caratterizzano questo periodo e pur con tutte le difficoltà, Tuscany Cocktail Week si terrà dal 14 al 20 Settembre 2020, seguita da Florence Cocktail Week dal 21 al 27 settembre 2020.Un segnale forte di ripresa per un settore duramente colpito dalla crisi. Ogni settimana vi presentiamo i migliori cocktail bar della regione, selezionati per l’evento

Partiamo presentando la provincia di Firenze. Nonostante questa zona possa essere le volte messa in ombra dalla sua ingombrante capitale, offre delle chicche a livello di miscelazione tutte da scoprire, come ad esempio i bar mugellani (famosi anche per l’utilizzo del vermouth locale), oppure il Salotto Negroni di Certaldo, che è salito sul terzo gradino del podio l’anno scorso. Tra conferme e new entry, ecco i migliori bar della provincia:

Elementi -Barberino del Mugello

Salotto Negroni 1919 – Certaldo

Bar Varenne -Galluzzo

Pruneti Extra Gallery – Greve in Chianti

Bar Ecrù (Il Castelfafi Hotel) -Montaione

Villini Lab – Pontassieve

Articolo precedentePellegrino Artusi nasceva 200 anni fa. Oggi sarebbe un food blogger?
Articolo successivoLa cucina hindi, dal Samosa al pollo Tandoori: ottieni il visto e vola in India!
Federico S. Bellanca
Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…

Rispondi