Tre giorni di assaggi, degustazioni e 14 cooking show dedicati al fine dining e alla pizza: dal 17 al 19 settembre torna “Le Stelle di Pietrasanta” con 17 chef

Stelle di Pietrasanta

Torna l’appuntamento con l’alta cucina, in Versilia. Da venerdì 17 settembre a domenica 19 settembre tornano “Le stelle di Pietrasanta”: una tre giorni di appuntamenti, per gli appassionati della buona tavola. Ecco i numeri: ben 17 gli chef partecipanti, 19 gli appuntamenti in calendario, 14 i cooking show, più un aperitivo sotto le stelle nel Chiostro di Sant’Agostino per 150 fortunati. Organizzato e promosso dal Comune di Pietrasanta, l’evento è un po’ il gemello di “Les etoiles de Mougins”, allestito da tre anni nella cittadina della Costa Azzurra proprio per valorizzare le rispettive culture gastronomiche.

Tante le stelle che si accenderanno sulla Piccola Atene: dal neo arrivato nell’Olimpo della cucina Alessandro Ferrarini del ristorante “Franco Mare” di Marina di Pietrasanta a Valentino Cassanelli (foto in alto) del “Lux Lucis” di Forte dei Marmi, da una colonna dell’alta ristorazione come Gioacchino Pontrelli di “Lorenzo” a Luca Landi del “Lunasia” di Viareggio, sino a Cristiano Tomei de “L’imbuto” di Lucca o  Jean-Marc Bessire del ristorante Le Cigalon di Ginevra, stellato da oltre 23 anni.

E a sancire un matrimonio di sapori, profumi e tradizioni, in un originale dialogo tra cucina italiana e francese, arriva Francesco Marchese (foto in alto), che dopo essere entrato a far parte della brigata della cucina tristellata di chef Yannick Alléno a “Le Pavillon Ledoyen” di Parigi torna in Italia a Monforte d’Alba (Cuneo) alla guida del primo, e già stellato, ristorante italiano del gruppo Alléno.

A completare il menù due incontri gastronomici: quello con il poeta della ciccia Dario Cecchini – che intervistato da Fabrizio Diolaiuti, svelerà i segreti per riconoscere una carne di qualità – e quello con the king of pasta, ovvero Valerio Chiesa, mattatore del Pastificio Chiesa che dal 1969 è il riferimento più noto per la pasta fresca. Basti pensare alla sua più famosa creazione: i tortelli in oro 23 carati ripieni di foie gras, ricotta e tartufo nero.

La tre giorni si apre venerdì alle 16 in piazza del Duomo con il Mercato dei sapori di campagna e alle 17 con una sfida culinaria lanciata da Gianluca Domenici, che vedrà schierati stellati del territorio e colleghi di “Les etoiles de Mougins”. Sabato e domenica saranno invece le giornate dedicate ai cooking show in tre diverse location: una delle novità di stagione è l’introduzione di una speciale finestra aperta sulla pizza con tre maghi della lievitazione, ossia Massimo Giovannini di Apogeo, Gennaro Battiloro di Battil’oro e Daniel Favero di Ometto. Appuntamento al Giardino della Lumaca sabato alle 17.30 e alle 18.30, domenica di nuovo alle 17.30.

chiostro sant'agostino Stelle di Pietrasanta

Non poteva mancare, a chiudere la tre giorni di “Le Stelle di Pietrasanta”, l’appuntamento con l’aperitivo sotto le stelle: domenica, a partire dalle 20.30, nella straordinaria cornice del Chiostro di Sant’Agostino, finger food e golosità con gli chef Alessandro Ferrarini, Jean Marc Bessire, Bruno Laffargue e Manuel Di Gregorio.

Per info:
tel. 0584 795500
turismo@comune.pietrasanta.lu.it

Articolo precedenteFirenze, il Locale affida la cucina allo chef globetrotter Simone Caponnetto
Articolo successivoBeneficenza, il sorriso di Beatrice “illumina” i piatti dell’Enoteca Pinchiorri
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi