Vini e musica intrigante e sensuale per l’evento-degustazione online “Calici e Jazz”, organizzato dalla Tenuta del Buonamico di Montecarlo (Lu) per festeggiare i 10 anni di produzione degli spumanti e presentare il restyling delle etichette

Un appuntamento guidato dal critico enogastronomico Leonardo Romanelli e dal Sound Sommelier Paolo Scarpellini, entrambi testimoni, per l’occasione, dell’eccellenza della produzione enologica della cantina toscana.

Il connubio tra musica jazz e vino porta con sé un fascino particolare, un viaggio sensoriale che lega emozioni e gusto. Per un contesto così speciale sono stati selezionati quattro brani ad hoc, tutti ben accostati alle referenze proposte dalla Tenuta del Buonamico. Per il Particolare Brutè stato scelto Sunday di Frank Sinatra, il Particolare Brut Rosé è stato accompagnato da Begin The Beguine di Ella Fitzgerald. Il Vasario 2018 è stato degustato sulle note di Five Spot After Dark di Curtis Fuller e il Cercatoja 2016 ha deliziato, oltre al palato, l’udito con Gassman Blues di Piero Umiliani.

Le parole di Paolo Scarpellini hanno accompagnato la degustazione su un sentiero nuovo per i sensi dei partecipanti. Eugenio Fontana, titolare della Tenuta del Buonamico, ha commentato: “Questa esperienza multisensoriale mi ha rivelato nuove sfumature dei miei vini che non erano mai emerse nelle degustazioni classiche effettuate fino ad ora. Sono felice di aver potuto condividere con gli ospiti tutte le sfaccettature sensoriali e, perché no, culturali e territoriali, dei miei vini”.

Articolo precedentel’Estate delle Bollicine Rosè: due etichette del Sud da provare in alternativa al Prosecco
Articolo successivoOrmai è certo, sorgerà in via Vecchietti la Galleria Iginio Massari a Firenze
Laureato in Letterature e Lingue straniere è nel mondo del giornalismo dall’età di 18 anni. Appassionato di sport, enogastronomia e turismo collabora con media locali e nazionali di settore. Tra i principali riconoscimenti giornalistici assegnatigli, il premio nazionale Gennaro Paone consegnatogli a Roma dal direttore generale dell’Enit, il premio ‘Strada del Vino del Recioto e di Gambellara’, ‘Primavera del prosecco’, 'Amici della Chianina', 'Premio Tarlati', 'Scandiano', 'Sant'Angelo in Vado, 'Apicio', 'La bisaccia del tartufaio', 'Burson' ed ultimo (2019) il Premio Giornalistico Città di Cherasco. Per quattro anni ha seguito l’Hong Kong Food Festival e per due ha coordinato la manifestazione nazionale Top of Golf finalizzata alla proclamazione del miglior ristorante della ‘Wine Tour Cup’ dell'Associazione 'Città del Vino'. Autore con Leone Cungi del libro ‘Sport e società a Monte San Savino (Un secolo di storia sportiva e tradizioni sul borgo toscano).

Rispondi