Il 30 giugno alla Cava di Roselle (Grosseto) in scena Chef in cava 2022, momento clou dell’ormai tradizionale evento  beneficenza “Festa di Sole” a sostegno della Fondazione Meyer

chef in cava 2022

Un modo per ricordare la piccola Maria Sole Marras e di fare del bene in sua memoria, grazie a un parterre di grandi nomi della ristorazione toscana: l’ormai tradizionale “Festa di Sole” che va in scena dal 30 giugno al 2 luglio alla Cava di Roselle alle porte di Grosseto è un compleanno speciale all’insegna della solidarietà, a sostegno della Fondazione ospedale pediatrico Meyer, che va in scena dal 2018 per raccogliere fondi per la ricerca neuro-oncologia pediatrica.

Il momento clou dell’iniziativa – nata per ricordare nel giorno del suo compleanno la piccola Maria Sole, scomparsa prematuramente a causa di una grave patologia neuro oncologica – è la serata del 30 giugno, quando va in scena Chef in cava 2022, cena a cui partecipano grandi nomi della ristorazione da tutta la Toscana. Tra i protagonisti non mancano Valeria Piccini (Caino, Montemerano, 2 stelle Michelin), Roberto Rossi (Il Silene, Seggiano), Emiliano Lombardelli (Dama Dama, Argentario Golf Resort), Maria Probst (Torre a Cona, Rignano sull’Arno), Daniele Zazzeri (La Pineta di Marina di Bibbona). E ancora: Francesco Bracali (Bracali, Massa Marittima), Giuseppe Papallo (L’Architettura del Cibo, Firenze), Andrea Perini (Al 588, Bagno a Ripoli), il macellaio Andrea Laganga (macelleria Laganga), il pasticcere Paolo Sacchetti (Nuovo Mondo, Prato), i maestri gelatieri Sergio Dondoli (San Gimignano) e Cinzia Otri (Gelateria della Passera, Firenze).

chef in cava 2022

La partecipazione alla serata di Chef in cava 2022, solo su prenotazione, prevede un contributo di 60 euro a persona, che è possibile versare sul conto corrente di Banca Tema intestato a “Festa di Sole” – Iban: IT56F0885114301000000210458 (bonifico gratuito presso tutti gli sportelli Banca Tema) oppure utilizzando l’app SatisPay al numero 334 7343179 (Festa di Sole).

chef in cava 2022

“Crediamo molto in questo progetto – commentano Isabella Sichi e Leonardo Marras, genitori della piccola Maria Sole – è nato come un modo per celebrare, comunque, il compleanno di Sole facendo solidarietà e anno dopo anno sta diventando un appuntamento fisso ma, soprattutto, uno strumento concreto per aiutare la ricerca, che è ciò che più conta. Ringraziamo la Fondazione per il supporto e la disponibilità, gli chef per la loro partecipazione che rende la serata della cena davvero speciale e tutti i volontari che insieme a noi pensano, organizzano e animano la Festa”.

Un momento di alta ristorazione, quindi, a sostegno del progetto “Maria Sole” che a sua volta promuove l’attività di ricerca dell’Unità di Neuro-Oncologia dell’Ospedale Pediatrico Meyer in collaborazione con la Radioterapia di Careggi, il Centro di Protonterapia e l’Università di Trento (CIBIO). Durante Chef in cava 2022 e per tutta la Festa di Sole sarà presente il gazebo della Fondazione Meyer.

chef in cava 2022

Ecco il programma dettagliato dei tre giorni

30 giugno, Chef in Cava 2022

ore 19.30 presentazione del Taxi Super Sole e aperitivo con i prodotti della Maremma e dell’Amiata

ore 20.30 cena firmata da grandi chef locali e da tutta la Toscana

1 luglio, Bimbi in Cava

dalle 17.30 laboratori creativi, spettacoli e giochi

dalle ore 18.30 alle 19.30 Cuoricina e Cuoco Pasticcio

a seguire cena offerta a tutti i bambini con un appetitoso menù a base di pasta al pomodoro, patatine fritte, pane e Nutella!

ore 21.30 spettacolo di magia con Mago Pistacchio

Ingresso libero

2 luglio, Burraco in Cava

ore 21 – 4 turni mitchell

iscrizione minima 10 euro entro venerdì 1 luglio

Per info e iscrizioni: 334.7343179 Festa di Sole, 339 5480892 Isabella

Articolo precedenteForte dei Marmi consegna i suoi oscar: in scena Versilia Gourmet 2022
Articolo successivoBurger Made in Tuscany: un tuffo nel sogno americano da 1950 American Diner
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

Rispondi