Torna Toscana da bere, il viaggio tra i cocktail bar del Granducato: da un’idea di Federico Bellanca, ogni settimana passiamo in rassegna i luoghi del “bere bene” miscelato. Oggi andiamo a Castiglioncello per scoprire Dai Dai Caffè

Chiunque sia abituato ad andare al mare sulla Costa degli Etruschi avrà sicuramente confidenza coi i leggendari gelati Dai Dai, i dolci artigianali simbolo di Castiglioncello,  che dagli anni ’20 accompagnano le stagioni calde dei vacanzieri e dei golosi. Quello che magari ancora molti non sanno è che ad affiancare il laboratorio dolciario si trova uno dei cocktail bar con la vista più belle della regione, il Dai Dai Caffè.

Collocato su un’altura proprio al di sopra del paese, da questo locale a terrazzamenti si domina con la vista tutto Il golfo e andando per l’aperitivo si può ammirare l’azzurro del mare  tingersi del rosso al tramonto. Se la location del Dai Dai Caffè è dedicata al bar da alcuni anni però, l’evoluzione a livello enogastronomico del locale è più recente. È infatti solo da quando nel 2018 il locale è stato preso in mano dai ragazzi di Sketch che la proposta si è evoluta sia sulla parte ristorativa che su quella della mixology.


Il tocco dei due ragazzi livornesi si nota nella proposta dei drink, molto attenta e complessa, ma lo stile è sicuramente diverso, dal taglio più estivo, con proposte dedicate a chi vuol rilassarsi tanto quanto a chi ha voglia di un pò di novità.  Il locale stagionale, che riapre con il ritorno del caldo ha ad oggi un’offerta molto variegata, che parte dall’orario aperitivo dove è possibile godersi i signature cocktail dedicati (per l’estate 2018 era stata scelta un tematica healty, a base di frutta e verdura) per poi continuare con la cena grazie alla proposta food del del bistrot (con un menù principalmente incentrato sul pesce), per poi concludere la serata con un after dinner oppure con un cocktail tipicamente estivo come il gin tonic, grazie ad una bottigliera che conta più di 50 diverse tipologie di gin da tutto il mondo.


Molto interessanti anche i cocktail da condividere al Dai Dai Caffè, studiati con un servizio apposito e con una presentazione sempre divertente (ad esempio nell’estate 2018 era possibile gustare l’Aurans Iblis, un infuso di tè alcolato allo stile Bereber, fresco e profumato, presentato con un servizio che ricorda la tradizione araba).

dai dai caffè castiglioncello

L’estate 2019 non è ancora iniziata, e non sappiamo quali sorprese ci riserverà il Dai Dai Caffè 2019, ma sicuramente non vediamo l’ora di scoprirlo!

Previous articlePremio Italia a Tavola 2019, i regni gastronomici del Paese alla corte dei Medici
Next articleCantuccini Toscani IGP, produzione record (nonostante il “divieto” di inzuppo): + 29%
Federico Bellanca
Federico Silvio Bellanca, nato l’ultima settimana del 1989 a Fiesole, reputa se stesso la risposta alla domanda di Raf “cosa resterà di questi anni 80”, e si crede simpatico ogni volta che fa questa battuta. Specialista in Marketing del settore Beverage, ha lavorato in quest'ambito per alcuni anni (soprattutto sul mercato francese), per poi passare a ruoli di responsabilità nelle vendite in diverse aziende spaziando dal vino alla birra fino ai prodotti food. Stregato dal fascino del giornalismo ha cominciato a scrivere per riviste tecniche nel 2015, prima su GDOnews e successivamente su Beverfood.com. A fine 2017 inizia a scrivere su il Forchettiere per raccontare la passione di tutti i protagonisti della ristorazione incontrati mentre cercava dati di mercato e trend di marketing. Ama i cocktail in cui gli ingredienti sono creati del bartender, i ristoranti che non fanno razzismo regionale nei vini e tutto quello che viene servito crudo o quasi. Odia i sorrisi forzati nelle foto , gli appassionati morbosi di un singolo prodotto e scrivere di se stesso in terza persona nelle biografie perché non riesce a farlo troppo seriamente…