Cucina ligure a Firenze, il 5 e cinque in piazza della Passera

Cecina

Nel novero delle tradizioni gastronomiche locali, la cucina ligure a Firenze può essere rappresentata dal 5 e cinque in piazza della Passera. Nel ristorante, a gestione familiare e dalla forte impronta vegetariana, non mancano pansoti e focaccia di Recco

sala

Quando si parla di cucine regionali, tutte le grandi città italiane dovrebbero annoverare rappresentanti delle tradizioni gastronomiche locali più apprezzate. Anche se spesso questo auspicio si declina in ristoranti che traggono ispirazione dal Sud Italia, esistono piacevoli eccezioni (ne parliamo qui). Sul fronte della Liguria, invece, le alternative in riva all’Arno non sono moltissime: c’è l’estro di Richard Leimer dell’hotel Baglioni, ma l’unico a offrire i piatti tipici della cucina ligure a Firenze è il 5 e cinque in piazza della Passera.

Silvio e Mariolina...e il Cavour!

A gestirlo è una famiglia di origini liguri ma trapiantata da anni in quell’angolo d’Oltrarno che vede fiorire locali dalle diverse peculiarità: quella del 5 e cinque sta in due aspetti, che sono riusciti a diventare complementari. Da un lato l’attenzione al mondo vegetariano e la cura per i prodotti biologici, dall’altro l’ispirazione ligure.

tortelli di patate

Ciò si traduce in un menù che offre alcuni dei grandi classici della cucina ligure, dalla celebre focaccia di Recco ai pansoti ripieni (quando possibile) con un miscuglio di erbe fresche spontanee, il cosiddetto “preboggion“, e con il formaggio fresco detto “prescinseua“. E ancora: la cecina, comune anche in Toscana ma della quale i cugini rivieraschi possono rivendicare paternità.

Polpettone Ligure di Patate e Carciofi con insalata di Erbette di Campo

I richiami alla tradizione ligure non si esauriscono nei grandi classici, come la focaccia (in alto). Ciò che vale un assaggio al 5 e cinque è anche l’attenzione – tutt’altro che scontata – alla cucina vegetariana, portata avanti non con l’intransigenza dell’ortodossia “bio-veg” ma con il piacere di offrire un’alternativa leggera e gustosa al mainstream fiorentino.

Marco Gemelli

Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itreforchettieri.it, embrione del Forchettiere. Gestisce infine un Bed & Breakfast a Firenze (www.damilaflorence.com).

1 Comment

Leave a Reply

Rispondi

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.