Pubblicati i Tre Spicchi 2022 della Toscana per la guida del Gambero Rosso: Gabriele Dani li ottiene sia a Cecina che a Firenze, mentre esce dall’olimpo la pizzeria “Sud” al Mercato Centrale

A pochi giorni dalla pubblicazione della guida Pizzerie d’Italia del Gambero Rosso – l’appuntamento è l’11 ottobre a Napoli, al Centro Congressi della Mostra d’Oltremare – la guida pubblica in anteprima i “Tre Spicchi 2022”. Poche sorprese: confermano i Tre Spicchi 2022 della Toscana tutte le pizzerie della precedente edizione, ad eccezione di “Sud” all’interno del Mercato Centrale di Firenze. In fondo, il locale aveva perso Marco Fierro (passato al gruppo Da Zero) sostituito da Francesco “Ciccio” Vitiello che con la sua pizzeria a Caserta, Casa Vitiello, era già nei 50 Top Pizza. Troppo fresco, forse, l’avvicendamento. Stesso discorso, probabilmente, per le pizze di Francesco Martucci da Sophia Loren.

Tra i nuovi ingressi tra i Tre Spicchi 2022 della Toscana si annovera un altro “Mr. 6 spicchi”. Dopo Romualdo Rizzuti, premiato sia per le sue “Follie” che per “Al Fresco” all’interno del Four Seasons Hotel Firenze, adesso tocca a Gabriele Dani: il pizzaiolo costiero ha confermato i Tre Spicchi che aveva ottenuto l’anno scorso per la prima volta alla sua pizzeria “Disapore” a Cecina, e raddoppia a Largo9, a Firenze, raccogliendo l’eredità di Michele Leo che ottenne il massimo riconoscimento sotto la gestione precedente.

Per il resto, in attesa di conoscere chi sale e chi scende nei punteggi, ecco le pizzerie Tre Spicchi 2022 della Toscana per la guida del Gambero Rosso:

Pierluigi Police – ‘O Scugnizzo (Arezzo)
Romualdo Rizzuti – Al Fresco (Firenze)
Massimiliano Giovannini – 
Apogeo Giovannini (Pietrasanta – LU)
Gennaro Battiloro – Battil’oro Fuochi + Lieviti + Spiriti (Seravezza – LU)
Stefano Canosci – Chicco (Colle di Val d’Elsa – SI)
Gabriele Dani – Disapore La Pietra (Cecina – LI)
Marco Manzi – Giotto (Firenze)
Giovanni Santarpia – Giovanni Santarpia (Firenze)
Mario Cipriano – Il Vecchio e il Mare (Firenze)
Graziano Monogrammi – La Divina Pizza (Firenze)
Tommaso Vatti – La Pergola (Radicondoli – SI)
Antonio Polzella – La Ventola (Rosignano Marittimo – LI)
Gabriele Dani – Largo 9 (Firenze)
Romualdo Rizzuti – Le Follie di Romualdo (Firenze)
Tommaso Mazzei – Lo Spela (Greve in Chianti – FI)
Stefano Bonamici – ZenZero Osteria della Pizza (Pisa)

Articolo precedenteUmbria, selezionati 31 Ambasciatori dell’olio tra ristoranti ed enoteche
Articolo successivoLa Firenze delle start up, dalla garden kitchen alla gastronomia di quartiere
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.

1 COMMENT

Rispondi