Il 5 settembre debutta a Firenze “Flower Burger”, la prima veganburgheria, ossia burger vegani (anche viola). Nella città della “ciccia”, in via San Gallo 13, arriva il 13° punto vendita della catena multicolore 100% vegan

Nella città della bistecca alla fiorentina e della “ciccia” per eccellenza, arriva un ristorante dedicato esclusivamente ai burger vegani. La veganburgheria – ipse dixit – si chiama Flower Burger e aprirà il 5 settembre in via San Gallo 13, rappresentando il 13° punto vendita della catena nata nel 2015 a Milano da un’idea del giovane imprenditore Matteo Toto e da lì allargatasi sia in Italia che all’estero, da Marsiglia a Rotterdam.

Se finora l’alternativa vegana esisteva nelle paninoteche (oddio quanto fa anni ’80 questo termine…) accanto a una pletora di proposte a base di manzo, pollo o maiale, adesso il mondo vegano si prende la rivincita con un locale ad hoc. Come suggerisce il nome, il mondo floreale è quello che dà l’ispirazione. “Il fiore – si legge – come espressione di positività, gioia e amore. Un legame con la natura che si declina nelletonalità dell’arcobaleno con una proposta culinaria 100% vegan: burger la cui caratteristica fondamentale è il colore”.

Si passa dal pane giallo fatto con la curcuma, al nero grazie al carbone vegetale fino all’amatissimo viola, ottenuto grazie all’estratto di ciliegia. Grazie a colorazioni naturali e combinazioni di ingredienti per stupire i clienti, il menù comprende Tofungo, Flower Burger e Cherry Bomb, accompagnati da patate profumate alla paprika, edamame o patatas bravas. Germogli di soia, tofu, ceci e quinoa sono ormai divenuti cibi del quotidiano di chi sposa la filosofia vegan.

Una volta varcata la soglia del locale in via San Gallo 13 si è accolti da un’atmosfera friendly che strizza l’occhio alla cultura dei “figli dei fiori”. Il locale ospita pareti grafiche colorate e psichedeliche mescolate ad atmosfere del mondo del clubbing, dando vita a un divertente gioco di luci. Un sottomarino campeggia sulle pareti a ricordarci il Yellow Submarine dei Beatles, mentre la cucina si trova dietro ad una tenda colorata anni ‘70.

Previous articleChi inventò le patatine fritte? Ecco il falso mito cui abbiamo sempre creduto…
Next articleDal Salmorejo al Flamenquín: i 5 piatti da non perdere in Andalusia (e dove assaggiarli)
Marco Gemelli
Marco Gemelli, classe 1978, sposato con due bimbi, giornalista professionista dal 2007, è membro della World Gourmet Society e dell'Associazione Stampa Enogastroagroalimentare Toscana. E’ stato redattore ordinario al quotidiano Il Giornale della Toscana, dove per anni si è occupato di cronaca bianca e nera, inchieste, scuola e università, economia, turismo, moda ed enogastronomia. In seno alla stessa testata è curatore dell’inserto semestrale Speciale Pitti Uomo. Oggi è un libero professionista: collabora con diverse testate – sia online che cartacee – nel settore degli eventi e delle eccellenze del territorio, in particolar modo nel campo enogastronomico. E’ coideatore del progetto “Le cene della legalità” (2013) e autore de “L’Opera a Tavola” (2014), nonchè fondatore del sito www.itrelforchettieri.it, embrione del Forchettiere.